Teramo, ordine pubblico e sicurezza: il bilancio delle attività estive

Teramo. E’ stato un bilancio oltre modo positivo quello emerso ieri, 10 ottobre, in sede di riunione del  Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, convocato dal Prefetto Graziella Patrizi per fare il resoconto delle principali attività svolte nei decorsi mesi estivi.

 

In maniera particolare alle iniziative di contrasto della contraffazione e del commercio abusivo ed ai servizi svolti in occasione delle manifestazioni pubbliche e di intrattenimento; tematiche, queste, che assumono particolare rilievo e sviluppo nel periodo estivo e richiedono la più ampia collaborazione tra le Forze dell’Ordine e le Polizie Locali.

 

Alla riunione, infatti, oltre ai Responsabili delle FF.OO., hanno partecipato i Sindaci ed i Comandanti delle Polizie Locali dei Comuni costieri, ove maggiore è il flusso turistico e dove, conseguentemente, si rende necessario attuare, d’intesa con gli Enti Locali, una sinergica e programmata azione di incremento dei dispositivi di sicurezza, che consenta comunque di tenere alta la soglia di attenzione alle rimanenti aree del territorio teramano.

 

Nella circostanza, ampia soddisfazione è stata espressa dagli intervenuti tutti per i risultati conseguiti nell’ambito di quella che, da tempo, costituisce la maggiore criticità estiva: la lotta alla contraffazione ed alla commercializzazione di merce contraffatta lungo gli arenili e nei luoghi di intrattenimento serale dei Centri costieri.

Le specifiche iniziative adottate dai Comuni di Alba Adriatica, Pineto e di Silvi, promosse d’intesa e con l’apporto della Capitaneria di Porto, delle Associazioni dei balneatori, dei commercianti e del volontariato, hanno consentito di perseguire un significativo decremento del fenomeno, operando in termini di prevenzione (apposizione di cartelli e divieti, diffusione di volantini, ecc.) ed incrementando l’organico, con assunzioni stagionali, e di turni di servizio delle Polizie locali, per un maggiore controllo delle zone urbane più esposte.

A Giulianova ed a Tortoreto, che hanno preso parte al progetto del Ministero dell’Interno “Spiagge Sicure”, il fenomeno è stato positivamente arginato. In tali località è stato possibile attuare, avvalendosi di risorse finanziarie ministeriali, un vero e proprio programma di prevenzione e di intervento operativo quotidiano i cui esiti, non trascurabili rispetto ad altri territori provinciali, a Giulianova i beni sequestrati sono stati 4.625 per un valore di Euro 34.150,00; a Tortoreto, 8.662 per un totale di Euro 58.000,00.

 

Le Forze dell’Ordine nei mesi di luglio ed agosto sono state impegnate anche nei servizi di prevenzione e di ordine pubblico: sono state 82 le manifestazioni, sagre, concerti ed eventi di vario tipo, per i quali sono stati disposti adeguati servizi di presidio e di vigilanza. Ciò si è aggiunto a tutte le altre attività svolte dalla Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, nell’ambito dei rispettivi compiti d’istituto e delle attività coordinate di prevenzione e di controllo dell’intero territorio, a tutela della legalità. Tra gli altri dati, sono state oltre 15 mila le autovetture controllate nei diversi servizi dalle circa 4000 pattuglie impiegate.