Tortoreto, abusi edilizi nella discoteca: il Manakara ricorre al Consiglio di Stato

Tortoreto. La questione delle ordinanze musicali, al momento, appare un ricordo del recente passato, che degli effetti li ha comunque generati. Il confronto, sempre aperto tra il Comune di Tortoreto e il Manakara (discoteca e stabilimento balneare), si appresta a vivere, però, un nuovo passaggio.

 

Nei termini previsti, infatti, i legali del noto locale della riviera hanno impugnato una sentenza del Tar, dello scorso mese di maggio, relativamente ad una serie di abusi di natura edilizia che l’Ente, durante una serie di sopralluoghi effettuati un anno fa, aveva contestato nella struttura che insiste nell’area demaniale. In poche parole ad essere impugnata è l’ordinanza con la quale il Comune quasi un anno fa aveva ordinato di demolire una serie di strutture giudicate abusive.

 

Ricostruzione sempre contestata dai legali del Manakara, che nel caso di specie hanno sempre parlato di struttura amovibili, gazebo e grandi ombrelloni presenti all’interno del locale che anima la movida estiva. Il Tar, nella decisione dello scorso maggio, ha rigettato la richiesta di annullamento delle ordinanze di demolizioni di alcune strutture. Il contenzioso, però, ora si sposta al Consiglio di Stato.

E sempre al Consiglio di Stato è pendente un altro ricorso: quello relativo al regolamento comunale sulle attività rumorose che poi è stato, negli anni precedenti, come l’elemento centrale nella disputa attorno alla guerra degli orari.