Tortoreto, affidamento conteso: conferenza stampa con la presenza del Senatore Pillon

Tortoreto. Valica i confini strettamente territoriali la vicenda del ragazzino di 14 anni di Tortoreto, finito al centro di una sorta di affidamento conteso.

 

Nel corso delle ultime settimane, per tre volte le assistenti sociali (con la forza pubblica), e nell’ultima occasione con un provvedimento del giudice minorile, hanno cercato di trasferire il giovane, che vive con il padre, e trasferirlo dalla madre (che vive nelle Marche) o comunque in una casa famiglia.

Il minorenne, come è noto, ha scritto una lettera di suo pugno e ha chiesto al tribunale dei minori de L’Aquila di essere ascoltato. Il provvedimento, al momento, non è stato eseguito perché l’avvocato ha comunque esibito un certificato medico (il ragazzo è malato), e nei prossimi giorni, probabilmente, sarà ascoltato dal giudice.

Nel frattempo, sulla vicenda si sono accesi molti riflettori, stante la sua complessità. Il padre del 14enne, attraverso i propri legali, ha nel frattempo avviato una battaglia, che ha incontrato il sostegno anche da associazioni, che “avvertono la disfunzione delle istituzioni che dovrebbero tutelare il diritto ai figli alla bi-genitorialità”.

Per snocciolare la vicenda, il papà e gli avvocati hanno indetto una conferenza stampa in programma domani, venerdì 24 gennaio a Giulianova. Nell’occasione, prenderanno parte il Senatore Simone Pillon, promotore del disegno di legge sulla riforma dell’affido, e il parlamentare abruzzese, Luigi D’Eramo.