Tortoreto, la giunta approva il bilancio. Pressione fiscale inalterata: ridotto il valore delle aree edificabili

Tortoreto. La pressione fiscale resta inalterata rispetto all’ultimo anno. Anzi, vengono ridotte le rendite catastali dei terreni edificabili (ad ovest della Statale 16, nella perimetrazione già redatta), con un risparmio medio per i proprietari, ai fini Imu, mediamente del 10%.

 

E’ una delle novità previste nel bilancio di precisione del Comune di Tortoreto, approvato negli ultimi giorni dalla giunta municipale. Lo strumento di pianificazione economica e finanziaria, ora, seguirà l’iter previsto (relazione del revisore dei conti, passaggi consiliari), prima di essere approvato e discusso in consiglio comunale.

Il documento, nei suoi macro-concetti, è stato illustrato nel corso di un incontro dal vicesindaco (con delega alle finanze) Francesco Marconi e dal capogruppo di “SiAmo Tortoreto”, Lanfranco Cardinale.

Tre le direttrici attorno alle quali si sviluppa il nuovo bilancio. Mantenimento della pressione fiscale (tra le località costiere, Tortoreto si conferma la meno cara), e conferme per i costi dei servizi a domanda individuale (agevolazioni comprese), piano degli investimenti e specifiche destinazioni per i proventi della tassa di soggiorno.

“Il bilancio è stato approvato nei tempi fissati”, commenta Lanfranco Cardinale, “ e sotto questo aspetto un plauso va alla struttura finanziaria dell’Ente. Entro fine mese, poi, contiamo di approvare il documento in consiglio comunale.

 

Le tariffe. La giunta Piccioni ha confermato tariffe, aliquote e costi per i servizi a domanda individuale, compresa la Tari. L’unica novità riguarda la riduzione delle rendite catastali per le aree edificabili di alcune zone del territorio. “ Questa scelta”, sottolinea Francesco Marconi, “ nasce da un’esigenza diffusa tra la cittadinanza e trova anche una giustificazione nei dati Istat e dell’Agenzia delle Entrate per quanto concerne il mercato immobiliare, che nell’ultimo anno ha fatto registrare un calo del 7%”. Sono rimasti inalterati gli sgravi e i sostegni per quanto concerne i servizi a domanda individuale e i fondi destinati alle politiche sociali.

Gli investimenti. Tra gli allegati al bilancio di previsione c’è il piano triennale degli investimenti nel campo delle opere pubbliche, che prevede interventi importanti. L’avvio dell’iter per la sistemazione del piazzale della chiesa di Santa Maria Assunta, le manutenzioni stradali con 600mila euro (270mila nel 2019), 350mila euro per la raccolta delle acque bianche (100mila nel 2019), gli 80mila euro per la progettazione della messa in sicurezza del fosso Vascello, 300mila euro per la definitiva messa a norma degli impianti sportivi, decoro urbano (200mila euro), polo scolastico (60mila euro), ampliamento e messa a norma del cimitero.

 

Tassa di soggiorno. Nel bilancio di previsione sono previsti, in entrata i fondi, per l’introduzione dell’imposta di soggiorno. La previsione di gettito è di 200mila euro, e l’amministrazione comunale (così come stabilito dal tavolo di concertazione) ha previsto specifici capitoli per dirottare poi gli introiti: 10mila euro per le attività di promozione turistica, 90mila euro per gli eventi, 40mila per le spese di investimento, 60mila per i contributi agli eventi. Il prossimo 18 maggio, come è noto, Tortoreto sarà sede di partenza dell’ottava tappa del Giro d’Italia. L’amministrazione civica investirà (iva compresa) 61mila euro. Inoltre sono stati previsti 100mila euro in più nel capitolo per la manutenzione e il decoro degli spazi pubblici. Elementi questo che si lega anche alla necessità di presentare una cittadina “a puntino” in vista della Corsa Rosa e il successivo avvio della stagione estiva.