Travolta sulla tangenziale a Bologna: muore donna originaria di Teramo

Ci potrebbe essere un gesto volontario dietro la morte di una donna di 47 anni, investita da un’auto verso le 20.30 di ieri sulla rampa dell’uscita 10 della tangenziale di Bologna.

 

Secondo testimoni, infatti, la donna era a piedi e si sarebbe buttata in mezzo alla carreggiata proprio mentre sopraggiungeva una macchina, guidata da un uomo di 69 anni. Soccorsa in gravissime condizioni dal 118, è morta poco dopo l’arrivo all’ospedale Maggiore.

La donna, originaria di Teramo, soffriva di problemi psichici e di tossicodipendenza. Ieri pomeriggio era stata dimessa dall’ospedale, dopo un periodo di cura, e prima dell’incidente forse stava facendo ritorno nella struttura assistenziale di via del Terrapieno dove risiedeva. A quanto risulta, l’ipotesi prevalente è il suicidio o eventualmente una disgrazia dovuta al fatto che la donna non era in sé.

 

In seguito all’investimento, altre due auto che erano alle spalle sono rimaste coinvolte nell’incidente: una ha tamponato la prima, un’altra è finita fuori strada dopo che il conducente ha svoltato bruscamente per evitare l’impatto. Non ci sono stati altri feriti e per i rilievi è intervenuta la Polizia Stradale.