Università di Teramo, il Soroptimist organizza un convegno sulla tutela delle “fasce deboli”

Lunedì 15 aprile alle 15,30 nell’aula tesi del polo didattico Silvio Spaventa dell’università di Teramo si svolgerà il convegno “La Tutela delle persone vulnerabili: l’impegno del Soroptimist”.

 

L’obiettivo del convegno è quello di porre l’accento sulla tutela delle cosiddette “fasce deboli”, individuando gli strumenti penali di tutela più efficaci, nonchè di soffermarsi sulle tecniche e modalità di audizione di tali soggetti. Inoltre in continuità con il Progetto Nazionale del Soroptimist d’Italia “Una stanza tutta per sé”, per le donne vittime di violenza, inaugurata l’8 marzo 2017 presso la Caserma dei Carabinieri di Teramo, il Soroptimist ha provveduto all’acquisto di una ‘valigetta’ (kit realizzato da un’azienda specializzata in sistemi di sicurezza, che consiste in un sistema di registrazione audio-video, approvato secondo i parametri normativi) da destinare al Comando dei Carabinieri della Provincia di Teramo: il supporto tecnologico fornirà un valido ausilio che permetterà agli inquirenti di raccogliere le testimonianza delle vittime in tempi più brevi, anche in ambienti esterni alla caserme, come le strutture ospedaliere.

Gli interventi, coordinati dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Teramo, Dott. Antonio Guerriero, saranno a cura della Dot.ssa Fabrizia Ida Francabandera, Presidente della Corte di Appello di L’Aquila, il dott. Pietro Mennini, Procuratore Generale presso la Corte di Appello di L’Aquila e della Dott.ssa Anna Paola Di Dalmazio, Amm.ne Prov. Le di Teramo, Resp.le del Servizio Pari Opportunità Centro Anti violenza “La Fenice” e casa rifugio “Casa Maia”. Le relazioni saranno a cura dell’Avv. Marco Pierdonati, Prof. Aggregato di diritto penale presso la Facolatà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Teramo e le dott.sse Laura Colica, Sost. Procuratore presso il Tribunale di Termao ed Armanda Servino, Consigliera di Corte di Appello di L’Aquila (Sez. Penale).