Giulianova, incontro in Sala Buozzi su gioco d’azzardo e ludopatia

Giulianova. “La diffusione del gioco d’azzardo nel nostro Paese è un fenomeno sempre più diffuso e preoccupante, dalle rilevantissime conseguenze sul piano economico, sociale e culturale”.

Lo ha dichiarato il Presidente della Commissione Speciale per il benessere della collettività (Salute), Luigi Ragni presentando l’incontro di Sabato 16 Aprile alle ore 17:00 in Sala “Buozzi”, “Ludopatia: quando al gioco ti giochi la vita”.

“Un iniziativa che per la prima volta metterà i lavori della Commissione Speciale Salute in aperta condivisione con la cittadinanza. I 7 Sindaci dei Comuni di riferimento del nostro Ospedale, con Primari e tecnici di riferimento, insieme alla Dottoressa Maura Ianni Psicologa Clinica, Psicoanalista, Presidente Genius Loci Onlus, al Capitano Marco Toppetti Comandante Compagnia Guardia di Finanza – Giulianova, e con la Dottoressa G. Lucidi Pressanti, Direttore uoc di immunoematologia della Asl di Teramo, tutti insieme saranno impegnati in una battaglia di civiltà che è oggi quanto mai attuale e soprattutto poco trattata dalle Istituzioni, che tanto potrebbero fare per aggredire un problema che affligge una moltitudine di soggetti, e soprattutto tantissime famiglie”, ha specificato Ragni.

“Il contesto normativo, l’organizzazione delle strutture di intervento e cura della patologia con riferimento alle azioni psico-sociali che possono essere messe in atto per combattere la Ludopatia, gli interventi possibili e necessari sulle persone che hanno bisogno di aiuto contro il gioco d’azzardo patologico; insomma un lavoro corposo contro un’epidemia silenziosa che speriamo sarà utile e di supporto alle Istituzioni per affrontare in maniera decisa un problema che riteniamo di centrale importanza per le famiglie che soffrono condizioni di disagio a causa di situazioni riconducibili alla Ludopatia. Siamo certi che c’è molto da lavorare ma siamo altrettanto sicuri che continueremo a sostenere questa importante battaglia di civiltà, per tutti i nostri cittadini”, conclude il Presidente della Commissione Salute.



In questo articolo: