Castelli, scarpette rosse realizzate dai ceramisti contro la violenza di genere

Il Comune di Castelli aderisce alla terza edizione della manifestazione nazionale “Scarpette rosse” che si svolgerà il prossimo 25 novembre. Le scarpette, realizzate dai maestri ceramisti, saranno esposte fin dalla mattina in piazza roma a Castelli e donate ad enti ed associazioni per sensibilizzare sul tema della violenza di genere.

Alle 15, poi, ci sarà l’inaugurazione della mostra “Ester sono io”, dedicata alla compianta Ester Pasqualoni, uccisa dal suo stalker due anni fa a Sant’Omero.

Una mostra itinerante, che si localizzerà nelle vetrine espositive di via Silvio Antoniano, e che resterà a Castelli fino al prossimo 17 gennaio con protagonisti fotografi abruzzesi e le loro opere: sono Annamaria Draghigi, Chiara Pesci, Matteo La Penna, Walter Massimi, Arnaldo Pilotti, Antonio Pigliacelli, Cristian Palmieri, Alice Vincenzetti, Yuri Tommasini. Le iniziative sono state promosse dalla rete antiviolenza “Ester sono io” della presidente Anna Di Donatantonio, amica di Ester ed oggi presente in conferenza stampa insieme al sindaco Rinaldo Seca.

“Vogliamo rispondere con la bellezza all’orrore della violenza – le parole di Anna Di Donatantonio – L’unione è importante per combattere quella che non è più un’emergenza, ma un problema culturale. Tutte le amministrazioni devono prenderne atto e seguire l’esempio di Castelli”. Tra l’altro sono tante le associazioni a partecipare: Bon Ton, Nastro Rosa, De Finis e Cittadinanzattiva.

“L’arte può veicolare tanti messaggi e l’artigianato di Castelli contribuire alla diffusione della cultura del rispetto e dell’amore – le parole del primo cittadino Seca – Abbiamo deciso di aderire con onore”.