Crognaleto, bambini e chef scelgono “Il Piatto del Parco”

Si è concluso oggi presso l’Istituto Alberghiero Di Poppa-Rozzi di Teramo, il concorso denominato “Menù per le Scuole del Parco”.

Un’iniziativa promossa dall’Ente Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga e finanziata dal Ministero dell’Ambiente nell’ambito del Progetto “La Biodiversità per la Ri-Scossa del Parco – Promozione e Valorizzazione della Biodiversità Agricola e Zootecnica”, che ha visto quali protagonisti gli studenti degli Istituti Alberghieri delle Province dell’Area Protetta. Una vera e propria sfida ai fornelli finalizzata alla conoscenza dei sapori e delle produzioni agroalimenatri del territorio e al rilancio dell’economia zootecnica, soprattutto ovina che storicamente rappresenta una fonte importante di sostentamento, e quindi identificativa delle nostre aree interne.

Un’attenta giuria, composta da chef stellati, giornalisti, Professori universitari e rappresentanti degli Enti coinvolti, ma soprattutto da due alunni della classe quarta della Scuola Primaria di Crognaleto, ha scelto, dunque, il “Piatto del Parco”, rigorosamente realizzato con materie prime del territorio e all’insegna della genuinità e del rispetto dell’ambiente.

Ha preso parte alla Giuria anche il Sindaco di Crognaleto, Giuseppe D’Alonzo, il quale commenta: ”Ho l’onore, oggi, di rappresentare, insieme a Giulio e Giada, due alunni della Scuola di Crognaleto, i Comuni e le Scuole del Parco. Siamo stati chiamati a svolgere un compito importante: scegliere il Piatto che più di ogni altro racchiude in sé i sapori, la genuinità e la specialità dei nostri territori. Fermamente convinto dell’importanza della corretta alimentazione, che deve essere parte integrante dell’educazione generale dei ragazzi, al fine di contribuire alla formazione delle identità di ciascuno e del senso di appartenenza ad un territorio, la mia Amministrazione ha scelto di investire molto sulla scuola, anche in termini di servizio mensa, che viene garantito per tutti i livelli scolastici, senza gravare troppo sulle economie delle famiglie. Il “Piatto del Parco” che oggi abbiamo scelto, assume un valore simbolico importante: esso rappresenta il risultato dell’impegno e del lavoro delle giovani generazioni nell’attività di promozione e salvaguardia dei nostri territori. I sapori, i profumi, i colori delle materie prime utilizzate sono lo specchio del nostro patrimonio, inteso in termini di bellezze naturali, di ricchezze e prodotti unici e speciali che devono essere conosciuti e tutelati. È per questo motivo che auspico fortemente che questo Piatto entri a far parte del Menù delle mense scolastiche, perché contribuisca a dare un’impronta, un marchio ben definito alla tradizione e all’innovazione enogastronomica dei nostri territori, affinché i ragazzi, attraverso di esso, imparino a riconoscere i sapori e le specialità delle proprie radici.”

Il Sindaco conclude dicendo: “È bello, oggi, vedere il Parco tornare sul territorio e tra la gente, ma soprattutto vederlo vicino ai veri pionieri del Parco, cioè i ragazzi che rappresentano il futuro di questi territori.”



In questo articolo: