Giulianova, per il decimo anno consecutivo il tuffo di Capodanno con raccolta fondi di beneficenza

Giulianova. Appuntamento imperdibile il prossimo 1° gennaio con il classico tuffo di Capodanno nelle acque dell’Adriatico.

La tradizione del bagno di Capodanno è stata inaugurata dal Baltic nel 2009, l’anno del terremoto all’Aquila. Quell’anno tante famiglie rimaste senza casa furono ospitate dall’hotel giuliese, anche nel periodo delle festività natalizie. Allora venne l’idea del bagno di Capodanno, una cosa da fare tutti insieme, quasi un rito di passaggio, un tuffo liberatorio e di buon auspicio

L’appuntamento è per il 1° gennaio alle ore 11.00 allo stabilimento La Rotonda. I temerari, che l’anno scorso furono ben 43, si vestiranno da Babbo Natale e poi raggiungeranno la spiaggia per prepararsi al tuffo.

Ogni anno all’ evento viene abbinata una lotteria di beneficenza e quest’anno il ricavato verrà interamente devoluto al Parco dell’Annunziata e del Tordino. Il Parco è una vera e propria oasi naturalistica nel cuore di Giulianova, che proprio grazie ad una guida d’eccezione, il neo presidente del quartiere Annunziata Sandro Brandimarte, è una delle mete preferite degli ospiti dell’albero. In particolare, la raccolta è destinata all’acquisto di mangiatoie e di casettine, che possano servire sia come riparo sia da nido nel periodo di cova. Questi ripari verranno controllati dai volontari del Parco che seguono quasi giornalmente le tante specie che popolano l’area.
A garantire la sicurezza della manifestazione è la presenza dei ragazzi del Nucleo Soccorsi Speciali Smts-Opsa sezione di Giulianova. Con i loro mezzi, con la loro professionalità e la loro grande disponibilità sono vicini a tutti i partecipanti, pronti ad assisterli per qualsiasi evenienza sia sulla terraferma sia in acqua.

Per tutti i partecipanti, tuffatori e spettatori, vin brulè, cioccolata e tè caldo per scaldarsi saranno distribuiti direttamente sulla riva del mare.