Teramo, consegnate le onorificenze ad Emma Bonino e Edith Bruck FOTO

Sono state conferite questa mattina ad Emma Bonino e Edith Bruck l’onorificenza Guido II degli Aprutini.

La cerimonia, tenutasi nell’Aula Magna Benedetto Croce dell’Università di Teramo, ha visto la presenza tra gli altri di Giovanni Legnini, vice presidente del Consiglio Superiore della Magistratura.

L’intervento del rettore Luciano D’Amico ha aperto la cerimonia dopo l’ingresso del corteo accademico e l’esecuzione degli inni da parte della Banda dei Carabinieri e della Corale Verdi per l’occasione in formazione con il Coro del Liceo Musicale M. Delfico di Teramo e il Coro Gamut di Pescara.

A seguire ci sono stati dello stesso Legnini, del ministro di Stato belga Elio Di Rupo e del senatore della Repubblica Luciano D’Alfonso.

“Dico alle ragazze di non lasciarvi mai più dire ‘Quel mestiere non lo puoi fare’ – ha detto la Bonino – Vi voglio parlare di Europa perché credo che stia vivendo un periodo difficile. E’ vero che l’Europa è una barca che fa acqua da tutte le parti ma non è un buon motivo per distruggerla. Solo chi la ama la può migliorare”.

Edith Bruck, di origine ungherese, è nata in una povera, numerosa famiglia ebrea. Nel 1944, poco più che bambina, il suo primo viaggio la porta nel ghetto del capoluogo e di lì ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen. E’ sopravvissuta alla deportazione. “Testimoniare è un peso gravoso, una specie di condanna – ha detto – Ma noi pochi sopravvissuti dobbiamo testimoniare per tutti i milioni che sono morti”.