Alba Adriatica, polemica manifestazioni. Colonnelli: amministrazione alimenta le divisioni

Alba Adriatica. ” Senza concordia e unità d’intenti, l’attivismo delle associazioni per organizzare gli eventi rischia di arenarsi. Morire per sempre”.

 

E’ caustico Nicolino Colonnelli, consigliere comunale di Alba Adriatica, alla luce delle polemiche che si sono nuovamente alimentate attorno all’organizzazione degli eventi che poi daranno forma al calendario estivo.

 

Il bando promosso dall’amministrazione comunale, paradossalmente, in alcuni casi ha acuito rivalità e polemiche, con la rinuncia (la notizia è di oggi) di due associazioni (Albamici e Albatour) di organizzare il carnevale estivo.

 

Che il clima si tornato elettrico su questi argomenti è un dato di fatto, ma Colonnelli lancia un appello all’unità degli intenti, senza però sottolineare il modo con il quale, dal suo osservatorio, l’amministrazione ha contribuito ad esacerbare il clima.

“La concorrenza tra associazioni per organizzare gli eventi”, chiosa Colonnelli, ” che crea divisioni e frizioni, è perseguita solo da un’amministrazione che non ha una progettualità. Bisogna avere le idee chiare e non lasciare fare agli altri e poi lasciarsi guidare solo dalla logica del risparmio. Ci si limita ad alimentare sterili polemiche tra sagre e manifestazioni, mentre la città sta lentamente morendo. L’amministrazione dovrebbe ricostruire l’immagine della cittadina e non alimentare dispute. E’ ora di voltare pagina e si alzare l’asticella del dibattito politico e cittadino per programmare il futuro della cittadina”.