Roseto, nuove bordate dell’opposizione all’amministrazione comunale

Parcheggi a pagamento, scarsa manutenzione, un territorio quasi all’abbandono e un sindaco poco presente in Municipio.

L’ex primo cittadino di Roseto Enio Pavone, il capogruppo dei Liberalsocialisti Nicola Di Marco e quello di Futuro In Alessandro Recchiuti hanno tracciato un bilancio con molti lati oscuri sull’attività dell’amministrazione guidata da Sabatino Di Girolamo. Un giudizio estremamente negativo quello espresso dai rappresentanti delle forze di opposizione.

“Hanno affrontato la questione dei parcheggi a pagamento in piena estate”, ha puntualizzato l’ex sindaco Pavone, “creando un’infinità di disagi ai residenti e ai turisti. Non si può affrontare un argomento così importante con una superficialità imbarazzante. C’è una manifesta incapacità nell’amministrare questa città da parte del governo Di Girolamo-Ginoble”.

Pavone ha ricordato che un anno e mezzo fa furono presentati due progetti di finanza che avrebbero risolto il problema dei parcheggi a pagamento, con un’istituzione graduale e studiata per tempo, e dell’illuminazione pubblica. Due progetti per un importo di circa 10milioni di euro. Ha criticato anche il fatto che a Cologna Spiaggia ci sia una sorta di far west sia per quanto riguarda gli agricamping, nati come funghi negli ultimi tempi, sia coi parcheggi visto che c’è chi lascia l’auto in zone vietate.

Nicola Di Marco ha posto l’accento invece sul fatto che ci sia una scarsa attenzione verso il turismo. L’ufficio informazione non è sempre operativo. E l’argomento è stato anche oggetto di interpellanza che dovrà ora essere discussa in un prossimo Consiglio Comunale.

Per la minoranza, insomma, Roseto e le sue frazioni sono ormai allo sbando. E l’invito che è stato rivolto all’amministrazione Di Girolamo è stato quello di farsi da parte perché non in grado di governare.