Teramo, trasporti universitari: l’Udu lancia una petizione

universita_teramoTeramo. Una petizione per chiedere nuovi servizi di trasporto urbano, dedicati agli studenti universitari. È la nuova iniziativa dell’Unione degli Universitari, da sempre impegnata nella realizzazione di un sogno: trasformare Teramo in una vera “cittá universitaria”.

“In questi anni” spiegano i rappresentanti dell’Udu “abbiamo realizzato diversi obiettivi che ci eravamo prefissati e tanti ancora sono quelli che ci siamo preposti. Sicuramente il tema dei trasporti assume carattere rilevante. Gli studenti soffrono di gran lunga la situazione in cui versano gli stessi. Ed é per questo che abbiamo promosso una petizione indirizzata al Sindaco Maurizio Brucchi, agli Assessori ai trasporti Regionale Giandonato Morra e Comunale Giorgio Di Giovangiacomo, oltre che al Presidente della Baltour Agostino Ballone, fornitore del servizio pubblico. Nella petizione chiediamo una razionalizzazione dell’intera rete di trasporto cittadino che permetterebbe la reintroduzione della linea 7 nella fascia oraria compresa tra le 15.00 e le 17.00 (unica linea dedicata agli studenti). Inoltre chiediamo l’introduzione di un servizio di trasporto notturno nella fascia oraria compresa tra la 00.00 e le 02.00 che colleghi il centro della città con i quartieri residenziali periferici (Colleparco- Cona – Colleatterrato – Gammarana). Chiediamo inoltre l’istituzione di una fermata presso Via Po per le corse interregionali effettuate dalla “Baltour s.r.l.” esigenza forte espressa soprattutto dagli studenti della Facoltà di Veterinaria che tornando nella città di Teramo spesso con corse che arrivano in tarda seratanotte sono costretti a dover scendere a Piazza Garibaldi e poi tornare, magari, nella zona Stazione a piedi, ciò dovuto anche alla mancanza di corse notturne. Siamo riusciti a raccigliere un migliaio di firme, a riprova del forte sentire del problema da parte di tutti gli studenti. Problema emerso anche nelle risposte al questionario sulla vivivbilità di Teramo che abbiamo promosso insieme alla petizione. Gli studenti universitari ritengono che il primo step per migliorare la città sia proprio quello del miglioramento del servizio pubblico di trasporto. Dai questionari sono poi emerse ancor piu’ richieste e necessità riguardanti questo tema, sui quali noi abbiamo intenzione di lavorare. Ricordiamo che, l’Ateneo teramano, è , in questo momento, per cosi dire, afflitto da un forte pendolarismo e migliorare la viabilità da e per le sedi universitarie rappresenta un nodo fondamentale circa la frequentazione delle stesse. Pensare poi che la miglioria al trasporto urbano potrebbe favorire una maggiore appetibilità dell’ateneo stesso. Migliori e maggiori servizi altro non permetterebbero che la possibilità di rivedere un rientro in città degli studenti universitari con maggior beneficio di tutti. Chiediamo, quindi, un incontro al Sindaco e agli assessori Morra e Di Giovangiacomo, ai quali inoltreremo tutte le nostre istanze, affinchè si possa trovare un piano di riqualificazione adatto alle nostre esigenze. Noi continuaimo a credere nella possibilità di trasformare questa città in una città universitaria”.

 

 



In questo articolo: