Alba Adriatica, il centrodestra ancora in alto mare: slitta il momento delle decisioni

Alba Adriatica. Il vertice del centrodestra non sortisce, al momento, effetti concreti e gli scenari in vista delle amministrative del 10 giugno sono ancora tutti di scrivere.

 

Sul piatto resta la candidatura bis di Tonia Piccioni, avallato solo da Forza Italia, ma non condivisa dagli altri due partiti della ipotetica coalizione (Lega e Fratelli d’Italia), che però al momento, almeno in maniera ufficiale, non hanno formulato le proprie proposte.

Dunque nessuna discussione è nata su eventuali nomi alternativi, che potrebbero tenere unita la coalizione e magari allargarla a movimenti e forze di natura civica. Anche la figura di paolo Cichetti, indicato da alcuni ambienti come il possibile candidato del centrodestra, sul tavolo ufficiale non è stato ancora proposto.

Da parte degli alleati, nella riunione di lunedì sera, è stato anteposto, prima di aprire una discussione sul nome del candidato, di parlare di programmi e di possibili allargamenti della coalizione. Ovviamente, la situazione di stallo non sembra essere gradita da Forza Italia, che al contrario era pronta a chiudere la partita in tempi brevi.

E nemmeno al sindaco uscente, Tonia Piccioni, che a questo punto potrebbe anche decidere di dar vita ad una lista, in attesa che poi i vari tasselli trovino una propria collocazione. Scenario in evoluzione dunque, con i tempi per la presentazione delle liste che di assottigliano sempre più.