Elezioni, liceo D’Annunzio. Corropoli Viva: il Comune faccia un passo indietro

Corropoli. “Il Comune deve fare un passo indietro e affidare la gestione della scuola a chi ne ha le competenze. Bisogna mettere da parte l’orgoglio personale per il bene comune”.

 

Nel rettilineo che porta alle amministrative di domenica prossima, a Corropoli, tiene ancora banco la questione legata ai futuri assetti del Liceo paritario D’Annunzio. E questo in una fase nella quale il nuovo Cda, di recente nomina, sta disegnando il futuro. A fornire una chiave di lettura chiara sulla questione sono Mario Anastasi e Stefano Rapali, rispettivamente candidato sindaco e candidato consigliere della lista Corropoli Viva.

“Il liceo resta un’eccellenza non solo della nostra cittadina ma dell’intera Val Vibrata”, spiegano, “ e come tale va ripensato in ottica futura. Non serve una soluzione tampone, utile solo a gestire l’emergenza che si è creata, anche perché si rischia di tornare al punto di partenza in poco tempo. Serve progetto solido che guardi ai prossimi anni con rinnovato entusiasmo e con prospettive concreto Sul tavolo c’è la proposta del prof. Di Giminiani, che ha esperienza e capacità alle spalle, e crediamo che la strada da seguire sia questa. L’unica capace di ampliare l’offerta formativa e offrire una prospettiva di medio periodo per il rilancio del Liceo”.

Per Corropoli Viva, dunque, il Comune dovrebbe fare un passo indietro e consentire alla Fondazione di pianificare il percorso di rilancio.