Erosione e fondi per gli interventi: Pepe e Mariani replicano al sottosegretario

“In occasione della presentazione della “Relazione al Piano di difesa della costa,  il Presidente Marsilio ha dichiarato che non ci sarebbero più stati interventi “a spot” sulla costa abruzzese.  Evidentemente il Sottosegretario D’Annuntiis non ascolta neppure il suo Presidente ed esce oggi con un comunicato per sottolineare “a spot” un intervento a Martinsicuro”.

 

Non si fa attendere la replica di Sandro Mariani e Dino Pepe, consiglieri regionali di minoranza, che confutano alcune delle considerazioni fatte dal sottosegretario della giunta regionale.

 

”Basterebbe ricordare al sottosegretario che per la mareggiata di febbraio 2019”, si legge nella replica, “ la giunta D’Alfonso finanziò con  oltre 3 milioni gli interventi per fronteggiare l’emergenza  (2.200.000 contro l’erosione e 900.000 per mettere in sicurezza e perfezionare il porto di Giulianova).

La precedente Giunta ha costantemente stanziato risorse per il ripascimento, spesso assegnando le somme direttamente ai Comuni.  I nostri interventi erano frutto di una attenzione condivisa e di una comune strategia che manca completamente all’attuale governo della Regione. Infatti, in sede di Consiglio mentre il Sottosegretario parla di ripascimento, dai banchi della sua maggioranza arrivano puntuali le stoccate dei consiglieri della Lega, Quaresimale e Di Matteo, che considerano unico strumento efficace le scogliere, peraltro promesse ai balneatori in campagna elettorale.

 

Ripascimento. “Nei  5 anni in cui siamo stati al governo”, proseguono. “concordando l’operazione con il settore ittico, abbiamo sempre previsto che prima di ogni intervento fossero spostate le vongolare in una nursery in modo da preservarle, sarebbe utile che l’attuale giunta dicesse se sta adottando le stesse misure, o si preleva la sabbia distruggendo le riserve di vongole create grazie a progetti finanziati dalla Regione Abruzzo.

Sugli ulteriori 5 milioni annunciati da D’Annuntiis, che si guarda bene dal dettagliare l’importo, per buona parte si tratta di fondi messi a disposizione dal Governo, sempre per far fronte alla mareggiata di novembre.  Il Sottosegretario dovrebbe, ancora, entrare nel dettaglio e dire dove intende procedere a ripascimento, dove a rifioritura delle scogliere e in quali Comuni, considerando i tanti con problematiche da affrontare, così da far capire ai balneatori e agli amministratori delle comunità costiere quali interventi concretamente saranno messi in campo, spot a parte”.