Montorio, mozione dell’opposizione per potenziare Ufficio Ricostruzione

I Consiglieri Comunali di “Montorio Avanti Insieme”, Andrea Guizzetti e Paolo Sacchini, tornano sul tema della ricostruzione in provincia di Teramo che stenta a partire. Una delle cause maggiori, secondo i due consiglieri montoriesi, è la mancanza di personale qualificato, con l’Ufficio Speciale per la Ricostruzione (USR) sisma 2016 di Teramo sottodimensionato nella dotazione organica di risorse umane, strumentali ed informatiche, per un territorio, quello del cratere sismico teramano, che è vasto e comprende la maggior parte dei comuni delle aree interne.

“Resta molto difficile comprendere alcune decisioni che vengono prese a livello nazionale e regionale sull’assetto dell’organico e degli uffici in tema di ricostruzione per il nostro territorio provinciale – dichiarano i due Consiglieri di “Montorio Avanti Insieme” – apprendiamo dai quotidiani delle minacce di dimissioni del Sottosegretario Mario Mazzocca, qualora non arrivasse altro personale dedicato, e in più vengono soppressi uffici, come l’Ufficio Territoriale per la Ricostruzione (UTR) di Montorio, quando invece questo potrebbe essere un valido rinforzo all’Ufficio Speciale per la Ricostruzione (USR) di Teramo e risolverebbe, in buona parte, la problematica del personale qualificato” proseguono i due Consiglieri di opposizione. 

Infatti l’Ufficio Territoriale per la Ricostruzione (UTR) di Montorio, che ha curato fino a qualche giorno fa le istruttorie delle pratiche per il sisma del 2009, è stato soppresso dal primo luglio 2018 e, secondo quanto previsto, diventerà un semplice sportello, essendo state trasferite tutte le sue competenze direttamente all’Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del cratere (USRC) a Fossa (L’Aquila). In pratica l’anticamera della chiusura definitiva con la perdita di personale che verrà sicuramente trasferito agli uffici speciali USRC di Fossa e USRA di L’Aquila. Testimonianza ne è la convenzione, come sportello di riferimento, che i comuni del cratere teramano si accingono a firmare con l’ufficio speciale USRC di Fossa per un periodo molto ristretto fino al 31 ottobre 2018.

“Ormai non ha più senso mantenere l’Ufficio Territoriale per la Ricostruzione (UTR) di Montorio al Vomano alle dipendenze dell’ufficio speciale USRC di Fossa in provincia di L’Aquila che si occupa solo del sisma del 2009, logisticamente distante dal nostro territorio e che non ne conosce le problematiche, occorre necessariamente evitare il sovraccarico della gestione delle pratiche in capo ad un unico ufficio l’USRC di Fossa come previsto dalle ultime disposizioni” continuano Andrea Guizzetti e Paolo Sacchini. “Considerato che l’Ufficio Territoriale per la Ricostruzione di Montorio che racchiude tutta l’Area Omogenea 3 (Montorio, Tossicia, Castelli, Penna Sant’Andrea, Fano Adriano, Colledara, Pietracamela e Arsita) è costituito da personale già qualificato e con comprovata esperienza nella gestione delle istruttorie delle pratiche di ricostruzione post sisma, sembrerebbe più logico spostarne la gestione in capo all’Ufficio Speciale per la Ricostruzione (USR) di Teramo, soluzione semplice, veloce e che quindi ci sentiamo di suggerire anche al Sottosegretario Mazzocca”. 

Per questi motivi i consiglieri Guizzetti e Sacchini hanno presentato, sabato mattina, al Sindaco di Montorio al Vomano, Ennio Facciolini, una mozione )con la richiesta di accoglierla nel consiglio comunale di questa sera 30 luglio 2018) avente come oggetto “la proposta di rendere l’ufficio di Montorio l’Ufficio Territoriale per la ricostruzione 2009, 2016 e 2107 alle dipendenze dell’Ufficio Speciale USR di Teramo”.

“La proposta che abbiamo inoltrato al Consiglio Comunale con la mozione prevede di impegnare il Sindaco e la Giunta a sollecitare la riapertura a pieno regime dell’Ufficio Territoriale per la Ricostruzione n.3 (UTR3) ubicato a Montorio al Vomano presso gli uffici di proprietà del Comune e soppresso dal primo luglio 2018”,  concludono Andrea Guizzetti e Paolo Sacchini.