Mosciano Democratica contro l’opposizione: ‘non legge le carte. Ecco cosa

Mosciano. “Ancora una volta l’opposizione non legge le carte, ma spara sentenze. Nel consiglio comunale di lunedì sera diversi sono stati i provvedimenti approvati dalla maggioranza, ma i consiglieri di Obiettivo Mosciano pensano solo a demistificare la realtà e a raccontare una versione diversa”.

Così Mosciano Democratica replica alle accuse dei consiglieri di opposizione Obiettivo Mosciano, ricordando che “il consiglio comunale ha approvato debiti fuori bilancio per circa 180.000 euro e non per 200.000 come affermato dalla minoranza che ha omesso, inoltre, di sottolineare come si sia arrivati a tali cifre. I debiti sarebbero stati ben più gravosi se il sindaco in prima persona non si fosse impegnato per mediare tra le parti e riuscire a far risparmiare oltre 70.000 euro rispetto a quanto dovuto: un risparmio frutto di una lunga mediazione portata avanti dal primo cittadino per evitare di far pagare all’ente quanto stabilito già da due sentenze esecutive. Dire semplicemente che il comune ha pagato dei debiti è raccontare solo una parte della verità, quella che fa comodo a chi non vuole riconoscere quanto ottenuto dall’amministrazione comunale. Per quanto riguarda la mozione presentata dall’opposizione sul consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi, spiace ancora una volta dover constatare come l’opposizione sia capace solo di strumentalizzare le cose accadute”.

“La proposta di istituzione di tale assise – aggiunge – è contenuta sia nel programma di mandato, votato lo scorso luglio, che nel documento unico di programmazione votato in consiglio comunale ad ottobre. In entrambe le circostanze la minoranza ha criticato per intero i provvedimenti, esprimendo voto contrario e senza mai fare cenno alla positività della proposta contenuta nei provvedimenti. Dimenticanza o mancata lettura degli atti? In entrambi i casi, si tratta di una grave mancanza: si sono forse dimenticati di dire che il consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi è cosa buona? O non leggono gli atti del consiglio, dando per scontato che le proposte della maggioranza siano cose negative? Anche se così fosse, sono molto bravi a prendere spunto e intestarsi come loro le idee altrui. La mozione non è stata votata non solo perché la cosa era già oggetto di lavoro da parte dell’assessore Cordone, ma anche perché del tutto priva di atti a corredo e di un regolamento adatto: gli atti consiliari sono provvedimenti seri e non possono essere ridotti a meri slogan per avere un po’ di visibilità sui giornali o per attaccare qualche esponente dell’amministrazione comunale. L’assessore Cordone, quale membro del consiglio di istituto, aveva tutto il diritto di anticipare all’Istituto Comprensivo la volontà di istituire l’assise civica dei giovani: si tratta di un passaggio corretto non solo sotto il profilo istituzionale, ma anche in un’ottica di didattica. Solo chi opera quotidianamente nella scuola, può fornire una lettura adatta nell’adozione di un provvedimento che investe i giovani studenti della comunità moscianese. Nessuna bocciatura per l’assessore, ma solo per la proposta della minoranza! Si deve procedere regolarmente con gli atti: si andrà in commissione per stilare il regolamento e, poi, si tornerà in consiglio per deliberare in merito. Questo è quanto ha affermato fin da subito il sindaco, ma a quanto pare l’opposizione era troppo impegnata a gridare e sproloquiare contro la maggioranza nell’estremo tentativo di strappare qualche applauso all’uditorio: fare proposte vuol dire portare regolamenti e documenti nelle sedi opportune, mentre i consiglieri di opposizione si crogiolano nel loro voler apparire e nel vano tentativo di seminare discordia tra la maggioranza”.

Infine, un passaggio sulla riduzione dei compensi per la giunta comunale. “Il taglio di circa il 5%, come spiegato in consiglio comunale, è da riferirsi al secondo semestre del 2019 e va a sommarsi a quanto già tagliato dalla precedente giunta Galiffi (in totale si va oltre il 20% per le indennità della giunta). In proiezione annuale, dunque, il risparmio per il comune sarà più alto di quanto affermato dai consiglieri di opposizione, ma probabilmente anche stavolta hanno preferito evitare di leggere le carte per giocare semplicemente a raccontare frottole ai cittadini”, conclude Mosciano Democratica.