Pietracamela, chiusura sportello bancomat: la lettera di Antonio Zennaro

Antonio Zennaro, parlamentare del M5S eletto nel collegio uninominale di Teramo, ha scritto una lettera agli istituti di credito del territorio dopo la chiusura, prevista per il 7 maggio, dell’unico sportello bancomat attivo a Pietracamela.

 

Una presa di posizione che ha come obiettivo quello di sensibilizzare le banche locali ed evitare, così, che il servizio possa essere garantito anche per il futuro.

 

LA LETTERA

 

Anche a nome dei parlamentari teramani del Movimento 5 Stelle, nell’interesse dello sviluppo del territorio e a tutela dei cittadini, con la presente Le chiediamo di porre la massima attenzione sulla questione che riguarda la chiusura dello sportello ATM nel Comune di Pietracamela di proprietà della Banca Popolare di Bari, il quale non sarà più operativo a partire dal 7 maggio.

 

La disattivazione dell’unico presidio ancora esistente in una località così strategica per il turismo montano della Provincia di Teramo, sia estivo che invernale, e la prospettiva della mancanza di un servizio essenziale, come quello del prelievo di contanti a svantaggio degli operatori, dei residenti e tanto più di turisti e visitatori, rappresenterebbe un enorme disagio e un ulteriore ostacolo alla ripresa economica delle aree interne, in modo particolare quelle più disastrate del cratere sismico.

 

Al fine di non aggravare ulteriormente il processo di spopolamento che sta colpendo la montagna, di evitare il danno di immagine in termini di promozione turistica che ne conseguirebbe, e con l’obiettivo primario di assicurare alla popolazione un sistema automatico per i servizi bancari, imprescindibile per lo svolgimento del vivere quotidiano, si richiede al codesto Istituto bancario di valutare la possibilità di progettare, in accordo con le istituzioni competenti, l’installazione di uno sportello ATM – bancomat di propria gestione”.