Pineto si prepara alle elezioni comunali. Ma chi saranno i candidati a Sindaco? Il M5S gioca d’anticipo

Il prossimo 26 maggio, i cittadini di Pineto si recheranno alle urne per decretare il nuovo Sindaco della città.

Anche se sul “nuovo” non c’è sicurezza perchè probabilmente a candidarsi per la seconda volta, sarà l’attuale primo cittadino Robert Verrocchio. Secondo i rumors, infatti, il Partito Democratico sarebbe propenso a riproporre il nome che per cinque anni ha guidato la cittadina adriatica. L’ultimo in ordine di tempo, è il segretario del PD locale, Antonio Vignola, il quale avrebbe esortato più volte Verrocchio a continuare l’avventura politica come Sindaco di Pineto.

A sfidare il centrosinistra, per il centrodestra, dovrebbe essere l’ex Questore Paolo Passamonti che già dallo scorso dicembre avrebbe accettato la sfida a candidarsi come Sindaco della città che gli ha dato i natali. Notizia che però non fu ben apprezzata dalla Lega che, a detta del coordinatore pinetese Pietro Palozzo, non venne coinvolta nella scelta.

Sicurezza certa sta nel candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, che quasi un mese fa, ha ufficializzato il nome del dottor Filippo Da Fiume il quale, con un comunicato stampa, ne approfitta per tranquillizzare i cittadini sul fatto che il gruppo di pentastellati è a lavoro, mentre il “PD e la maggioranza uscente, invece, sembrano ormai ripiegati su se stessi, e dopo 25 anni di governo quasi ininterrotto della Città, palesano oggi chiaramente tutta la loro inadeguatezza. Prova ne è proprio il Sindaco uscente che peraltro ha dimostrato di non brillare in quanto a capacità, competenze e conoscenza del territorio.

Similmente il centrodestra”, aggiungeono, “che sembra più interessato a dirimere le vicende interne piuttosto che a rappresentare una propria proposta di visione della Città su cui confrontarsi”. Il Movimento 5 Stelle di Pineto sta lavorando “su progetti integrati per il turismo, su una nuova e più funzionale viabilità, su politiche di mitigazione del rischio idrogeologico, su nuovi metodi di gestione e valorizzazione della raccolta dei rifiuti solidi urbani, su nuove opportunità per i giovani, e tanto altro ancora”.

Quindi…chissà se, da qui a qualche settimana, non ci saranno altre sorprese?