Roseto, approvato il bilancio di previsione del 2018

Il consiglio comunale di Roseto, conclusosi questa mattina alle 4, ha approvato, a maggioranza, tutti i punti all’ordine del giorno, basato sostanzialmente sul bilancio di previsione del 2018.

In particolare l’approvazione del piano finanziario Tari (Tariffa rifiuti) ha previsto una rideterminazione dei costi del servizio 2018 con una riduzione media del 15 per cento dell’aumento resosi necessario l’anno scorso, con un taglio di 338 mila euro. I benefici saranno più evidenti per le attività commerciali e produttive mentre per le famiglie le riduzioni introdotte terranno tenendo conto della composizione (uno, due, tre membri o più).

Dall’imposta di soggiorno – che è applicata ai turisti in visita a Roseto e non ai cittadini – il bilancio prevede un incasso di circa 508 mila euro di entrate (sulla base delle presenze turistiche del 2016, ultimi dati resi disponibili dalla Regione Abruzzo). Di questi, 250 mila euro saranno utilizzati per il rifacimento dei marciapiedi del lungomare Roma, mentre i restanti 258 mila euro saranno destinati alle manifestazioni culturali e turistiche.

Sulla base di circa 900 parcheggi a pagamento istituti per l’anno 2018 si prevede di incassare, in base al periodo e alle tariffe fissate, un importo di circa 285 mila euro.

Per quanto riguarda i servizi a domanda individuale non hanno subito aumenti, e sono state confermate le tariffe dell’anno precedente.

In arrivo, inoltre, diverse assunzioni, con risorse derivanti da prepensionamenti (come certificano i revisori dei conti) per una pianta organica ampiamente carente (ma le leggi nazionali non permettono molti margini di manovra).

A breve saranno assunti: tre vigili, a tempo indeterminato, un avvocato a tempo indeterminato tramite procedura di mobilità, un architetto a tempo indeterminato tramite concorso, una selezione interna per un funzionario amministrativo, un comandante della Polizia municipale, full time, un ufficiale alla riscossione a tempo determinato tramite concorso, un dirigente full time, nel primo settore, a tempo determinato.

Corposo, infine, il piano annuale delle opere pubbliche che prevede la spesa di 500 mila euro per il quarto lotto del cimitero di Roseto centro; 180 mila euro per la realizzazione del secondo lotto della caserma della Guardia di finanza; 123 mila euro per la sistemazione di via Thaulero; 250 mila euro per la sistemazione del marciapiede del lungomare Roma (finanziata con l’imposta di soggiorno); 140 mila euro per i borghi autentici di Montepagano (provenienti da un contributo regionale); il project financing di 2.479.000 euro per l’illuminazione della città.

“E’ un bilancio improntato al rigore – ha spiegato l’assessore al ramo, Antonio Frattari – Abbiamo cercato di inserire tutte le possibili aperture verso la cittadinanza, ma siamo stati limitati dalle difficoltà che ormai tutti conoscono. In ogni caso, come promesso, abbiamo cominciato a ridurre la Tari e, come previsto dalle leggi nazionali, utilizzeremo i proventi dell’imposta di soggiorno per l’immagine cittadina (rifacimento dei marciapiedi di lungomare Roma e per sostenere le manifestazioni culturali). Il bilancio di previsione presentato è molto sofferto, i cui equilibri sono legati alla copertura del restante disavanzo 2016 pari a 1.700.000 euro e all’effettiva riscossione degli accertamenti tributari previsti in bilancio e dalla vendita del terreno sul lungomare sud”.

“Abbiamo approvato un bilancio complesso ma di certo abbiamo evitato lacrime e sangue – ha concluso il sindaco, Sabatino Di Girolamo – Come annunciato, abbiamo iniziato a ridurre la Tari, certo non come avremmo voluto, ma intanto è un primo passo. La tanto vituperata imposta di soggiorno servirà a fare Roseto più bella e più accogliente, sia per il decoro urbano sia per le iniziative di cultura e spettacolo che riusciremo a finanziare. Le tariffe, in generale, non hanno subito aumenti e per i parcheggi – recependo le indicazioni di cittadini e associazioni di categoria – abbiamo ridotto le strisce blu sulla via Nazionale, escludendo il pagamento nei giorni festivi del periodo invernale. Abbiamo varato una serie di opere pubbliche dal cimitero di Roseto al project financing, dalla caserma della Guardia di finanza alla sistemazione di via Thaulero. Cerchiamo, insomma, di dare un contributo all’economia cittadina anche direttamente”.