Roseto, Comitato Ristretto dei Sindaci Asl: PD replica a Pavone

Roseto. “Come al solito Pavone preso da un attacco di autoreferenzialità cerca di gettare fumo negli occhi dei cittadini, questa volta usa la nomina del comitato ristretto dei Sindaci della Asl del quale lui fece parte senza portare un minimo risultato per la nostra Città”.

Così il Partito Democratico rosetano replica alle polemiche sollevate dall’ex sindaco.

“Pavone – aggiunge – ancora non riesce a capire che non sono le cariche che si ricoprono a far sì che si ottengano risultati ma la buona volontà. Il Sindaco Di Girolamo in tre anni ha portato risultati riguardanti la sanità per la nostra Città che lui nemmeno in dieci anni di amministrazione sarebbe riuscito a portare per semplice miopia politica, parlo ad esempi della stazione del 118 a Roseto che presto partirà e del nuovo DSB di base che porterà nella nostra città una sorta di mini ospedale, il tutto senza far parte del comitato ristretto dei Sindaci. La comunità del PD a differenza della brama di poltrone dell’ex Sindaco Pavone cerca sempre di tutelare quelle che sono esigenze di territori più in difficoltà, come ad esempio quella delle aree interne, nominando questa volta il Sindaco di castelli Rinaldo Seca. Le aree interne avevano chiesto alla comunità del PD un aiuto per poter dare risposte a quelle aree che colpite dal terremoto e dalla nevicata del 2017 si trovavano in grande difficoltà, la comunità dei Sindaci del Centrosinistra senza indugio ha deciso di sposare questa causa”.

I democratici invitano “l’ex Sindaco Pavone a mettere in discussione il suo modo di fare opposizione, un opposizione senza proposte fatta solo di rancore e urla, se vuole dimostrare il contrario nel prossimo consiglio comunale aiuti l’amministrazione ad esempio a trovare nuove risorse per costruire i nuovi loculi che tanti cittadini avevano già pagato, quei soldi sono stati usate per altre esigenze di bilancio dall’amministrazione Pavone, soldi che avevano un unica destinazione, la costruzione dei nuovi loculi. Noi sapendo che Pavone non darà assolutamente un contributo in tal senso ci siamo attrezzati prevedendo un mutuo di 500.000 euro nel prossimo bilancio per dare definitivamente una risposta ai rosetani che per colpa della sua gestione non è mai stata data”.

“Comunque si augura un grande in bocca al lupo a lui per l’ennesima candidatura a Sindaco tra due anni, sarà sicuramente una bellissima campagna elettorale”, conclude il PD.