Teramo, D’Alberto convoca la TeAm per parlare del debito e della composizione

Il sindaco di Teramo, Gianguido D’Alberto, ha chiesto la convocazione dell’Assemblea dei soci della Teramo Ambiente. L’istanza era già stata avanzata informalmente in occasione dell’incontro con le organizzazioni sindacali del 19 ottobre scorso.

L’obiettivo del primo cittadino nella lettera inviata stamane a tutti i soci dell’azienda, è di affrontare la questione dei rapporti debito/credito tra il Comune di Teramo e la Team.

“A questo – si legge in una nota d- si aggiunge la tematica relativa all’attuale composizione societaria della Team, la cui soluzione non è più differibile, dovendo il Comune necessariamente normalizzare l’affidamento dei servizi pubblici mediante la stipula di un contratto che, proprio per la condizione in cui versa il socio privato, non è stato possibile fino ad ora formalizzare”.

“La situazione in cui versa la Teramo Ambiente è eccezionale – dichiara D’Alberto – ed è pertanto necessario limitarsi in questa fase a gestire l’esistente, eliminando tutte le occasioni che inducono ad una conflittualità tra le parti.  Il Comune farà tutto ciò che è possibile per contribuire alla soluzione della complessa vicenda e rispondere alle esigenze della città, ma deve essere messo in condizioni di farlo, e un clima di tensione permanente rischia di impedire tale percorso. Invito perciò tutte le parti in causa ad assumere atteggiamenti che vadano unicamente nella prospettiva della rinascita dell’azienda, superando i contrasti sorti nel tempo per aprire una fase di dialogo e di costruzione. Questo è l’obiettivo dell’amministrazione che non intende, come in passato, gestire le partecipate come strumento a servizio della politica ma solo ed  esclusivamente al servizio dei cittadini. Mettere  al centro l’interesse del cittadino, è il primo, vero ed irrinunciabile obiettivo da perseguire”.