Teramo, nuovo ospedale: “Non c’è segreto industriale, Asl consegni gli atti”

La Commissione di accesso agli atti amministrativi presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha bocciato il comportamento della ASL di Teramo di negare qualsiasi atto riguardante la proposta di project financing del nuovo ospedale. A farlo sapere il deputato del Movimento 5 Stelle, Fabio Berardini.

“A seguito della richiesta formulata dal Direttore Generale della ASL di Teramo Maurizio Di Giosia, infatti, la Commissione di accesso agli atti amministrativi ha depositato il proprio verdetto: la ASL dovrà consegnare tutti gli atti delle proposte di project financing che non contengono segreti commerciali o industriali – prosegue – La decisione è stata basata sul fatto che la valutazione di fattibilità dell’opera è una fase meramente preliminare e non può in alcun modo essere configurata come gara”.

“La trasparenza degli atti amministrativi è un principio cardine del nostro sistema costituzionale. Grazie all’autorevole intervento della Commissione di accesso è stato chiarito che la ASL di Teramo, come sempre sostenuto dal Movimento 5 Stelle, non può assolutamente occultare dei documenti fondamentali per la salute di tutti i teramani ma, al contrario, deve consentire la massima trasparenza. Questa sentenza ci dà pienamente ragione e siamo molto soddisfatti – continua Berardini – Vogliamo vederci chiaro su tutte le proposte di project financing, soprattutto quando un privato vuole lucrare su servizi connessi alla sanità pubblica. I cittadini hanno diritto di conoscere ad esempio le relazioni geologiche, le relazioni urbanistiche, le bozze di convenzione, i piani economici e finanziari nonchè tutte le richieste integrative che vengono rivolte dalla ASL al privato. Continueremo a vigilare ed a mantenere la massima attenzione su questo delicatissimo tema”, conclude il deputato.