Teramo, polemica Ruzzo: si riaccende lo scontro nel centrosinistra. Minosse contro D’Alberto

L’assemblea della Ruzzo Reti riaccende lo scontro nel centrosinistra.

Gabriele Minosse, segretario provinciale del Partito Democratico e sindaco di Cortino, prende posizione contro gli ex PD: il sindaco di Teramo, Gianguido D’Alberto, il consigliere regionale Sandro Mariani e la consigliera di +Europa Ilaria De Sanctis. “Intervengo spero per l’ultima volta per polemiche stucchevoli – sottolinea Minosse – Vorrei dire che i conti sono presto fatti: 33 sindaci, delle più svariate appartenenze politiche, di centro, di destra, di sinistra e civici, hanno dimostrato apprezzamento per l’immane lavoro svolto dal Consiglio di Amministrazione del Ruzzo e ne hanno condiviso i progetti della programmazione futura, mentre uno solo ha votato contro. Legittimamente, ma la finiscano di voler dare lezioni agli altri, perché davvero non possono permetterselo”.

“Quando perdi 33 a 1 non è una sconfitta, è una disfatta su cui riflettere, bene ed a lungo. E non è figlia di un complotto della SPECTRE, ma di un manifesto isolamento in cui ci è autoconfinati – prosegue – Aggiungo che trovo oggi inaccettabile che un consigliere del capoluogo di provincia si permetta di offendere l’operato della quasi totalità dei sindaci della Provincia, offendendo così l’intelligenza di tutti i cittadini, credendo di potersene accattivare le simpatie. Al consigliere Mariani, infine, vorrei consigliare di aver maggior rispetto per le scelte degli azionisti del Ruzzo, quei sindaci del territorio da lui stesso rappresentato in Regione”.