Mobilità, la Bicistaffetta 2016 transita per la costa abruzzese

Pescara. Da domenica 11 a martedì 13 settembre la costa abruzzese sarà percorsa da oltre 60 ambasciatori in bicicletta, impegnati a percorrere il tratto Termoli-Rimini al fine di sostenere il progetto della ciclovia adriatica e soprattutto perchè questa entri nella rete europea di cicloturismo Eurovelo.

Si tratta della XVI edizione della Bicistaffetta, ovvero la ricognizione annuale che Fiab, la Federazione Italiana Amici della Bicicletta, organizza al fine di promuovere Bicitalia, il progetto della rete nazionale di piste ciclabili, che ad oggi conta oltre 17.000 km.

Le tratte che interesseranno il territorio Molise, Abruzzo e Marche vanno da Termoli a San Vito Chietino domenica 11 settembre, da San Vito fino a Giulianova lunedì 12 settembre, e poi fino a Ascoli martedi’ 13 settembre. Nella prima giornata la comitiva sarà guidata da Giancarlo Odoardi, coordinatore interregionale Fiab Abruzzo e Molise e membro di Ciab, il Club delle imprese amiche della bicicletta, che poi nei giorni successivi sarà affiancato da Alessandro Tursi, componente il Consiglio nazionale Fiab.

‘La manifestazione intende promuovere la realizzazione della rete ciclabile nazionale Bicitalia” sottolinea Odoardi, “dando quanto prima unicità e identità a tutto il progetto a partire dalle singole componenti, come la ciclovia adriatica (BI6) di ben 1.300 km, a cui l’Abruzzo contribuisce con il 10% di territorio, grazie al suo Bike to Coast di 131 km. Ma non si tratta solo di lunghezza”, aggiunge il Coordinatore regionale, “ma anche di qualità e di contenuti.

Il tracciato della Via Verde della Costa dei Trabocchi, con i suoi 40 km, costituisce ad esempio una unicità in tutta la lunghezza della ciclovia e potenziale forte e strategico elemento di richiamo turistico su cui sappiamo vi è una intensa attenzione locale da parte di diverso soggetti, a partire dalla Regione e dai Comuni, e non ultima la Camera di Commercio di Chieti, fortemente impegnata a promuovere questo territorio’.

Dal punto di vista dei luoghi e dei tempi: ‘Quattro sono le fermate tecniche e istituzionali della Bicistaffetta’ aggiunge Odoardi, ‘in occasione delle quali Fiab vuole incontrare la gente del territorio e le sue rappresentanze per condividere motivazioni e stringere accordi su comuni intenti’.

Al lungo corteo, scortato di volta in volta dalle polizie municipali di riferimento territoriale, si aggiungeranno i ciclisti locali, in rappresentanza delle varie realtà associative ovvero amatoriali, a partire dall’Associazione Fiab Pescarabici che con una propria rappresentanza, spostandosi con la formula treno + bici, seguirà la comitiva nelle giornate di domenica e lunedì.

In particolare nella giornata di lunedì 12, quando ci sarà la tappa all’Aurum per l’incontro con le rappresentanze regionali, provinciali e comunali, nonchè del Dipartimento di Urbanistica dell’Università per fare il punto sulla situazione complessiva circa la ipotesi della rete regionale di ciclovie urbane e turistiche.