Cannabis terapeutica, Acerbo: ‘Ancora negato accesso in Abruzzo’

Pescara. ‘Trovo vergognoso che nella nostra Regione che si era dotata della legge più avanzata in materia il servizio sanitario continui a negare l’erogazione gratuita di farmaci e preparati a base di cannabinoidi.

Ricevo segnalazione di una madre che si è rivolta alla terapia del dolore della ASL di Chieti per chiedere la somministrazione al figlio che soffre di cefalea a grappolo.

Si è sentita rispondere dal medico che “è tutto fermo”, che “si aspetta una legge a livello nazionale”.
In Abruzzo è in vigore una legge e compito di chi dirige ASL e di chi governa in Regione dovrebbe essere applicarla. Invece si continua a boicottarla anche attraverso un decreto commissariale di D’Alfonso e Paolucci che è in contrasto palese con la legge e quindi illegittimo’

L’ex segretario regionale di Rifondazione Comunista, Maurizio Acerbo, denuncia nuovamente i ritardi nell’erogazione di farmaci a base di cannabinoidi.

‘E’ paradossale che in altre regioni che hanno ripreso la legge che avevo fatto approvare in Abruzzo ormai siano migliaia i pazienti che ricevono dal servizio sanitario cannabis terapeutica mentre in Abruzzo non si fa funzionare come dovrebbe.

Chiedo formalmente di essere audito ai presidenti delle commissioni consiliari competenti (affari sociali/sanità e vigilanza) per illustrare l’evidente assurdità della situazione’, conclude Acerbo.