Freccia Argento, D’Annuntiis: la decisione è di Trenitalia. Il contratto regionale prevede altro

Umberto D’Annuntiis, sottosegretario della giunta regionale, fa alcune precisazioni sulle polemiche sull’introduzione sulla tratta adriatica dei nuovi Freccia Argento, in luogo dei Freccia Banca. E l’aumento dei costi.

 

“Indubbiamente la sostituzione dei Freccia Bianca con treni più costosi”, sottolinea, “senza miglioramento dei tempi di percorrenza, costituisce una pratica discutibile giacché l’incremento del titolo di viaggio non può essere giustificato dal maggior confort che i nuovi treni offrirebbero. Un treno più comodo dovrebbe essere inserito in alternativa ai servizi in essere e non in sostituzione costringendo di fatto l’utenza a maggiori spese.

 

Ciò posto, l’introduzione dei Freccia Argento in parziale sostituzione dei Freccia Bianca è frutto di una decisione da parte della direzione nazionale di Trenitalia e non riguarda minimamente il contratto di servizio regionale in essere con la regione Abruzzo. Infatti i treni Freccia argento saranno inseriti in sostituzione di treni che non fanno parte di detto contratto.

 

La Regione Abruzzo si è attivata, sin dalla fine del mese di giugno, inoltrando a Trenitalia la richiesta per l’introduzione della Carta Tutto Treno che consentirebbe l’utilizzo indifferente delle Frecce e dei treni del trasporto regionale.

In data odierna, Trenitalia ha comunicato che è allo studio una proposta in merito con i relativi costi”.