Rilancio Passolanciano-Mammarosa: presentato il progetto VIDEO

Un progetto di rilancio del comprensorio sciistico Passolanciano-Mammarosa attraverso la realizzazione di nuove infrastrutture e servizi turistici. L’obiettivo è “destagionalizzare” il comprensorio, posizionato a quota 1.300 metri sul livello del mare, per essere fruito dai turisti anche nel periodo estivo, favorendo così lo sviluppo dell’economia locale.

 

Il progetto è stato illustrato oggi pomeriggio in località Passolanciano, dove, nella sala conferenze dell’Hotel “Ti Bionda Suisse”, il presidente Marco Marsilio, l’assessore al turismo Mauro Febbo, il presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri e il presidente del Parco della Majella Lucio Zazzara, hanno incontrato gli operatori economici e i sindaci dei Comuni del territorio. Il progetto prevede, nello specifico, la realizzazione di un collegamento – attraverso una seggiovia – tra i due bacini sciistici, in particolare da Passolanciano a Mammorosa (Majelletta), per ampliare l’offerta sciistica. Il presidente Marsilio ha visitato gli impianti di risalita del comprensorio insieme con l’assessore Febbo. «Il nostro obiettivo è valorizzare i bacini sciistici abruzzesi attraverso progetti concreti e reali – ha osservato il presidente Marco Marsilio -.

 

Nel caso di Passolanciano-Mammarosa, abbiamo accorpato i precedenti interventi in un unico progetto che abbia, in questo caso, le gambe per camminare. Il mio impegno è dare una nuova vita a questo comprensorio attraverso il miglioramento dell’incoming turistico, con servizi che rendano appetibile il territorio al di là dei mesi invernali, in particolare nel periodo estivo. L’elemento importante – ha aggiunto Marsilio – è il dialogo costruttivo instaurato con il Parco, le amministrazioni locali e gli operatori economici. L’assessore al turismo Mauro Febbo, invece, ha affrontato il tema dello sviluppo del territorio con la realizzazione di nuove infrastrutture. “Conosco bene le problematiche del comprensorio sciistico Passolanciano-Mammarosa da quando ero presidente della Provincia di Chieti – ha esordito l’assessore Febbo -. Finora abbiamo ascoltato solo buoni propositi; con il nostro progetto, invece, che a breve sarà esecutivo, andremo a spendere circa 20 milioni di euro, dei 34 milioni di euro complessivi. Si tratta di un progetto in linea con le finalità del Parco e prevede un piano di sviluppo turistico concreto che punta a realizzare infrastrutture e servizi, recuperando il patrimonio immobiliare esistente”. All’incontro hanno partecipato i consiglieri regionali Guerino Testa e Daniele D’Amario, e il presidente Arap, Giuseppe Savini.