Studenti americani visitano il Parco del Gran Sasso per un master sul turismo sostenibile

Grazie ad un protocollo di intesa tra l’Università G. D’Annunzio di Chieti-Pescara, il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, il Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, il Parco Nazionale della Majella, l’Area Marina Protetta Torre del Cerrano e Legambiente Abruzzo, per due settimane gli studenti del Master in Tourism administration della George Washington University saranno ospitati nei Parchi nazionali abruzzesi.

L’obiettivo delle attività di studio e ricerca del Master è quello di analizzare i punti di forza e le criticità dell’offerta ecoturistica abruzzese, al fine di predisporre un documento finale, destinato agli stakehollder locali e contenente raccomandazioni e consigli utili al miglioramento.

Tutti i soggetti coinvolti agevoleranno gli studenti, supportando il progetto di raccolta dati, rendendo possibile la redazione di un analisi sul turismo sostenibile e ad una successiva proposta di marketing turistico, con particolare riferimento alle aree Parco.

Il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga ha ospitato una delegazione degli studenti della George Washington University che sono stati accolti dal Presidente Tommaso Navarra e dal Direttore Alfonso Calzolaio. Dopo l’accoglienza presso la sede del Parco ad Assergi la delegazione ha fatto visita alla comunità di Campotosto dove sono stati accolti dall’Ambasciatrice del Parco, Assunta Perilli.

Il Presidente del Parco Tommaso Navarra: “Per noi è stato un onore ricevere la delegazione della George Washington University. Gli studenti hanno manifestato vivo interesse ed apprezzamento per le azioni dell’Ente ed in particolare hanno attenzionato positivamente il percorso della Carta Europea del Turismo Sostenibile, recentemente acquisita dal parco. Le domande formulate hanno attestato il livello di conoscenza già loro proprio anche delle straordinarie matrici ambientali presenti nel nostro territorio e la valenza strategica della biodiversità tutelata per la comunità identitaria che le abita. Un ringraziamento speciale va anche alla nostra ambasciatrice Assunta Perilli che ha aperto le porte della sua bottega e ha illustrato agli studenti le meraviglie del Lago di Campotosto e dell’antica arte della tessitura tradizionale”