Viaggio nella musica europea del ‘700: l’Orchestra sinfonica si esibisce a L’Aquila e Tortoreto

Per l’ultimo fine settimana di gennaio l’Orchestra Sinfonica Abruzzese proporrà al suo pubblico un affascinante viaggio nella musica europea del settecento a cavallo fra barocco e classicismo.

 

Due le date per la 45° stagione concertistica ISA: sabato 25 gennaio all’Aquila alle 18 sul palco del Ridotto del Teatro Comunale “V. Antonellini” e domenica 26 gennaio a Tortoreto sempre alle 18 nel Centro Congressi del Salinello Camping Village. Sul podio l’americano Bahman Saless al suo debutto con l’OSA, bacchetta di grande sensibilità e solidità oltre che violinista, compositore e organizzatore musicale di successo a livello internazionale. Solista ospite il soprano Gabriella Costa, artista versatile ed apprezzata per il suo vasto repertorio che spazia dal barocco alla contemporaneo con attenzione all’ottocentesco e alla musica sacra, vincitrice del prestigioso premio F. Abbiati 2018 con la produzione contemporanea MedeaMaterial con la direzione di M. Angius. Il programma musicale offrirà al pubblico la possibilità di compiere un viaggio nella musica nel Settecento, secolo di svolta dai poteri forti delle monarchie assolute alla filosofia dei Lumi., che in arte si traduce nel passaggio dal barocco al classicismo, e in musica dalle spettacolari rappresentazioni del teatro musicale – con le straordinarie esibizioni dei castrati e le sfarzose scenografie -, alla nascita della Sinfonia genere in cui confluiscono equilibrio, consequenzialità del discorso musicale e simmetria, caratteri peculiari del gusto classico, ovvero.

 

Un “viaggio” dunque compiuto sulle note delle opere di tre grandi nomi della composizione europea: dalle arie delle opere più famose di Georg Friedrich Händel (Semele, Alcina, Giulio Cesare e Messiah) che raccoglie e riassume tutte le suggestioni del Barocco musicale di cui è uno dei grandi protagonisti, alla Sinfonia n. 25 in sol minore K. 183, uno dei primi capolavori di Wolfgang Amadeus Mozart prezioso esempio del Classicismo già maturo, in cui la simmetria, l’equilibrio delle forme, le proporzioni perfette, si sposano con la grande eleganza della scrittura.

 

Nel mezzo la Sinfonia n. 1 in re maggiore op. 3 di Johann Christian Bach, che per Mozart fu un amico e un esempio, e che seppe introdurre nella propria musica importanti novità sperimentando innovative combinazioni timbriche nell’orchestrazione. Per il pubblico del concerto all’Aquila, anche per questa settimana, al fine di garantire un pomeriggio piacevole nel centro storico, agli abbonati e al pubblico munito di biglietto sarà riservato uno sconto del 10% sulle consumazioni pre e post concerto presso il Bistrot Il Rigoletto in Via Verdi. Prossimo appuntamento: In programma per il 1 febbraio all’Aquila (Teatro Ridotto “V. Antonellini” – ore 18) un’interessante serata con il noto Paolo Crepet, psichiatra, sociologo, educatore, saggista e opinionista italiano, ospite frequente di varie trasmissioni televisive che proporrà al pubblico dell’ISA una intensa riflessione musicale sul tema della Passione.