Hacker russi leggono le mail di Obama

_Una notizia che riecheggia la fitta rete di spionaggio durante la guerra fredda: hacker russi sono riusciti a leggere e-mail non secretate del presidente americano Barack Obama. Lo riporta il New York Times citando un rappresentate dell’amministrazione, secondo il quale le e-mail sono state lette durante l’intrusione nella rete di computer della Casa Bianca lo scorso anno.

Gli hacker non sarebbero riusciti però a penetrare nel sistema del Blackberry di Obama, ma sono riusciti a entrare negli archivi delle e-mail del personale della Casa Bianca, con cui il presidente ha contatti regolarmente. Le reti protette, quelle classificate, non hanno subito alcuna intrusione ma, scrive il New York Times – in molti casi le e-mail non classificate contengono più informazioni sensibili, includendo scambi con diplomatici, programmi e anche dibattito politico. Non è chiaro il numero di mail alle quali gli hacker hanno avuto accesso ne’ il loro contenuto.

La gravità dell’intrusione dello scorso anno è stata subito riconosciuta, con i responsabili alla sicurezza informatica che si sono riuniti quotidianamente per settimane per cercare di risolvere il problema e capire come rendere la rete più sicura. L’attacco hacker ha riaperto il dibattito sulla presenza in rete di Obama.

 



In questo articolo: