Perché in Italia il gioco tira?

giochi-casino

Il settore tra i più proficui e in salute in Italia tanto da essere un traino economico per tutto il territorio Europeo è il comparto gambling online, non tanto strano, ma sarà vero?

In periodo di crisi economica globale, di recessione, di percentuale in crescendo di aziende che chiudono e la net economy che stenta a crescere nel Bel Paese producendo solo l’1,8% del fatturato dell’intero fatturato delle vendite, in controtendenza il gioco on line cresce del 10% annuo, ricomprendendo videogame e giochi da casino online.

Dato riconfermato anche dal flusso in crescendo degli utenti iscritti ai diversi portali presenti online che si divertono con tutta la ricca offerta de i giochi da casino di 888.it, dal blackjack alla roulette fino alle ultime versioni delle slot machine online.

I dati sembrano confermare questa tendenza: malgrado l’Italia abbia l’1% della popolazione mondiale registra ben il 22% del mercato globale dei giochi online.

Un record straordinario soprattutto se si considera che il popolo italiano è molto indietro rispetto la media europea per quanto riguarda l’informatica, l’uso e la conoscenza delle nuove tecnologie.

Il 37% degli italiani tra i 16 e i 74 anni non hanno mai aperto una pagina Internet, attestando l’Italia uno dei paesi peggiori nell’uso economico del Web, leggermente superiore solo a paesi come Cipro (36%), Bulgaria (42%), Grecia (42%) e Romania (48%), in cui bisogna anche sottolineare che c’è un altro dato che possa spiegarne le cause, ovvero l’invecchiamento delle loro popolazioni e il calo demografico. Se questo parametro sociale si riscontra anche in Italia con dati meno preoccupanti, un altro fattore di rallentamento dello sviluppo informatico è proprio nella mancanza delle infrastrutture adeguate allo sviluppo e copertura della Rete in tutte le città Italiane.

Quindi se comunque la tecnologia e le abitudini degli Italiani non favoriscono la crescita della Net Economy, come si spiega il successo del comparto giochi online?

In un solo anno il gambling online (dati di confronto 2012/2013) hanno infatti superato il fatturato pari a 12 miliardi del comparto viaggi online che deteneva nella net economy italiana, raggiungendo la cifra di 18 miliardi.

A livello mondiale i portali attivi sono 329 intestati a una miriade molto folta e variegata di nomi, che vanno dalle società di grandi famiglie illustri a banche anche internazionali, società sportive e persino i comuni, per finire con la concessione di giochi anche delle Poste Italiane. Il fatto che sono in molti a buttarsi nel mercato del gambling online sicuramente sottolinea la buona salute e le grandi opportunità di crescita che il settore non colpito dalla crisi sembra prospettare.

La maggior offerta proposta sul mercato, con grande varietà dei “prodotti” proposti e pubblicizzati che si traduce in una grande possibilità di scelta del proprio gioco online da parte player, il fatto che sia tipico in periodi di recessione e di cambiamento il bisogno crescente di entertainment e svago, sono solo alcuni dei fattori che possono spiegare il successo dei giochi online in Italia.

La crescita sorprendente in poco tempo, si spiega invece con il semplice fatto che la possibilità di offrire giochi online da casino o altre forme di giochi online a pagamento è stato solo recentemente concesso in Italia dal decreto legge corrispondente, perciò portali certificati AAMS sono una novità che si è innestata su un mercato già esistente ma di nicchia. I giocatori di giochi da casino in Italia c’erano già si pensi al settore dalle sale slot e sale casino reali e l’online era pressoché inesistente, perché mancando la concessione legale sul territorio i player appassionati si rivolgevano quindi ai portali di giochi stranieri.