Virgin Galactic: Viaggiare nello spazio non è più un sogno

original

Proprio così: la possibilità di viaggiare nello spazio si fa sempre più veritiera. Ed infatti questa occasione ce la offre (per modo di dire) la Virgin, rinominata Virgin Galactic per l’occasione. Sir Richard Branson, multi miliardario proprietario della Virgin, ha fatto progettare la SpaceShip Two, l’areo spaziale che dovrà “accompagnare” i turisti spaziali.

Naturalmente non si tratta di raggiungere la Luna o Marte, ma di gustare una vista emozionante a 100mila metri di altezza.

SpaceShipTwo si è alzato in volo dalla base spaziale America della Virgin grazie al suo grande aereo madre, WhiteKnightTwo, che lo ha portato fino a 14mila metri attaccato alla sua pancia e quando è stato abbandonato nel vuoto ha acceso il suo potentissimo motore. Successo pieno: in pochi secondi, 16 per la precisione, la navicella ha raggiunto la velocità supersonica e poi è rientrata alla base praticamente planando. È stata raggiunta la velocità di Mach 1.2, solo un primo assaggio dato che per arrivare alla quota commerciale promessa ai molti che hanno già prenotato un volo occorre più spinta.

Sir Richard Branson si trova sia entusiasta, sia preoccupato, perché ritiene questo investimento uno dei più pericolosi mai attuati per lui. Dato che ogni componente funziona alla perfezione si ritiene che entro fine anno possano partire i primi voli. Già 500 le prenotazioni per 200mila dollari a posto. A bordo avremmo dai cantanti alle star di Hollywood, ma, naturalmente, il primo di tutti questi voli sarà riservato a Branson e famiglia.

Dovremmo ringraziare Branson se, fra molti anni, riusciremo a viaggiare nello spazio con pochi soldi e se, forse, un giorno potremmo stabilire un contatto con altri pianeti. Per il momento sono poche le persone che saranno protagoniste del viaggio turistico nello spazio.