Nuovo digitale terrestre: scopri se il tuo televisore ha bisogno di decoder

L’arrivo, dal 30 giugno 2022, del nuovo digitale terrestre, prevede che le televisioni abbiano integrato un decoder dvb-t2, in modo da poter decodificare il nuovo standard di trasmissione (High Efficiency Video Coding).

I televisori acquistati dal 2017 in poi non dovrebbero avere problemi di compatibilità, in quanto da quell’anno era obbligatorio vendere apparecchi già adeguati al nuovo standard.

Come verificare se la propria televisione è compatibile con la ricezione del nuovo segnale?

La procedura è semplice: da qualche tempo sono stati approntati due canali tv che diranno con certezza se il televisore è compatibile con il nuovo standard di trasmissione oppure no.

I due canali, uno RAI e uno Mediaset, sono il 100 ed il 200. Selezionando uno dei due dal proprio telecomando, sui televisori pronti al nuovo digitale terrestre comparirà una schermata blu con un riquadro bianco e la scritta: “Test HEVC Main10”. Per i televisori non compatibili, il canale 100 e il canale 200 rimane di norma non sintonizzabile, e l’utente potrebbe vedere la scritta “canale non disponibile”. In questo caso, il televisore è destinato a non ricevere più i canali del digitale terrestre nel 2022 e la soluzione rimane quella di cambiarlo, o di munirsi di un decoder idoneo, con standard dvb-t2.