Magnotta Wars: il primo fenomeno virale diventa un fumetto

Magnotta Wars è il titolo del fumetto ispirato dal celebre scherzo telefonico al sanguigno bidello aquilano.

Era il 1987 quando due ex studenti di un istituto superiore aquilano decisero di fare uno scherzo telefonico a Mario Magnotta, bidello della loro vecchia scuola. I due ragazzi realizzarono ai danni del povero Magnotta una serie di telefonate che andarono avanti per diverse settimane, fino a quando l’uomo non perse le staffe lanciandosi in una serie di improperi.

La collerica reazione del malcapitato, accuratamente registrata su cassetta, cominciò quindi a circolare dapprima tra gli amici degli autori dello scherzo, per poi diffondersi in maniera tanto veloce e capillare, che alcuni considerano lo scherzo a Magnotta come il primo fenomeno virale pre-social.

Nuovo impulso alla popolarità di Magnotta, che nel frattempo si era guadagnato anche un invito al Maurizio Costanzo Show, arrivò poi dall’avvento di internet dove le registrazioni degli scherzi che lo vedono protagonista sono tuttora molto diffuse.

Oggi, a 30 anni dal primo scherzo, l’editore Magic Press torna a far parlare del più famoso bidello italiano con un fumetto dal titolo “Magnotta Wars – Il lato abruzzese della forza”, dove in un’ambientazione futuristica, il pronipote di Mario Magnotta, Marius, bidello come il suo antenato, dovrà combattere contro invasori alieni a colpi di arrosticini. Tra i personaggi, non poteva ovviamente mancare una lavatrice parlante.