Il sogno di guidare una Lamborghini finalmente è realtà

Ci sono poche auto come una Lamborghini, un’auto che tutti conoscono e a cui vengono subito associate prestazioni estreme e design all’avanguardia. Più che un’auto il marchio di Sant’Agata Bolognese rappresenta un vero e proprio status simbol del mondo dei motori, perché possederne una è un lusso che pochi possono permettersi.

Se però averne una nel proprio garage è un privilegio per pochi, non possiamo dire la stessa cosa a chi vuole fare un giro in pista con questo bolide da più di 300 Km/h. Infatti, online si trovano pacchetti promozionali anche ad ottimi prezzi per guidare una Lamborghini in pista (un esempio è il sito www.rseitalia.com).

La bella notizia deve ancora arrivare perché se prendiamo l’esempio dell’ultima supercar della casa di Sant’Agata Bolognese, la Lamborghini Huracan, non è cosi adatta per essere guidata sulle strade cittadine. Pensa un attimo agli ostacoli che puoi incontrare, alle auto che vengono nella direzione opposta o al codice della strada, non è cosi facile sprigionare 610 cavalli di potenza.

La cosa cambia nettamente quando si scende in pista dove puoi prendere le misure per una staccata all’ultimo secondo, seguire la traiettoria ideale e sfruttare i lunghi rettilinei costruiti per portare la Huracan ai suoi 325 Km/h di velocità massima.

Tra l’altro Lamborghini sta mettendo a punto l’ultima versione di quest’auto di lusso che probabilmente sarà chiamata Huracan Superleggera. Per il momento le uniche indiscrezioni arrivano dalle foto scattate durante i test del Nurburgring, che rivelano solo delle evidenti modifiche al posteriore. Per vedere la versione definitiva dovremo aspettare il salone di Parigi dove sarà presentata in anteprima, ma intanto possiamo consolarci con la versione “standard”, la stessa che puoi guidare fin da oggi sulle migliori piste italiane.

Il fatto di consolarti con questa supercar è comunque un eufemismo perché il suo V10 da 5,2 litri, oltre a sviluppare più di 600 cavalli di potenza, riesce a far schizzare quest’auto come un razzo appena si sfiora l’acceleratore. Basta pensare che bastano 3,2 secondi per arrivare a 100 Km/h e in meno di 10 secondi la Huracan passa da 0 a 200 Km/h, mica male vero?

Il bello è che l’ultimo modello della Lamborghini non è solo potente ma anche agile e, soprattutto,  molto stabile in curva grazie sia al suo peso di appena 1422 Kg (poco per una supercar), sia alla ciclistica e alle tecniche di costruzione più innovative.

Lamborghini Huracan

Già a prima vista sembra di trovarsi di fronte ad un’auto del futuro, con la sua linea unica che collega frontale e posteriore. Il risultato è un design estremo che ha da sempre caratterizzato le Lamborghini. Le sorprese poi continuano con gli ammortizzatori a controllo magneto-reologico che aiutano l’auto ad adattarsi istantaneamente alle imperfezioni dell’asfalto.

Questo significa che le condizioni del tracciato non sono un grande problema e, insieme a tutte le altre qualità, la Huracan riesce a regalare una sensazione di adrenalina paragonabili, forse, solo al lancio da un aereo con il paracadute. Se a questo punto hai deciso finalmente di metterti alla guida della Huracan fermati un secondo, perché c’è un dettaglio da considerare prima di fiondarti in pista a 300 Km/h:

quale circuito si adatta meglio alle caratteristiche di questa supercar?

La risposta è piuttosto semplice visto che la Huracan da il suo meglio in termini di potenza e di stabilità nelle curve veloci, quindi, il nostro consiglio è di scegliere, se puoi, quei circuiti che hanno rettilinei piuttosto lunghi, molte curve veloci e qualche staccata per sperimentare la potenza dei freni carboceramici. Sei pronto quindi per scendere in pista con la supercar che ha stupito anche i piloti professionisti ma è riuscita a rassicurare i guidatori meno esperti? Un piccolo avvertimento, non sorprenderti se alla fine della tua sessione vorrai salire nuovamente su quest’auto.