La Tombesi sbanca Ciampino e si riprende la vetta solitaria

Ciampino. Dopo due pareggi consecutivi la Tombesi torna alla vittoria, la settima in nove giornate di campionato, e lo fa travolgendo 9-4 sul proprio campo il Ciampino Anni Nuovi.

 Partita iniziata subito nel migliore dei modi per i gialloverdi, in vantaggio dopo 2 minuti e un secondo con Zanella e poi abilissimi ad aumentare costantemente il vantaggio: il primo tempo si è così chiuso sul 6-1, grazie alla quaterna di uno strepitoso Zanella (al rientro dopo un turno di squalifica) e alle reti di Silveira e Di Risio (inframezzate dal gol di Bacaro per i padroni di casa). Nel secondo tempo, il Ciampino ha schierato continuativamente il portiere di movimento, accorciando le distanze fino al 3-6, ma dovendo infine capitolare di fronte all’ultima accelerata della Tombesi: altre due reti per Silveira (tripletta personale) e l’ennesimo centro di Zanella (cinquina per lui) hanno fissato il risultato finale sul 4-9 (con il Ciampino che ha segnato il suo quarto gol a meno di 30 secondi dalla fine). Complice l’inattesa sconfitta interna del Lido di Ostia contro Prato, la Tombesi riconquista così, a quota 23 punti, la vetta solitaria della classifica, a +3 proprio sul Lido di Ostia (prossimo avversario sia in Coppa Italia che in campionato) e a +5 sul Real Cefalù.

 “Siamo scesi in campo sapendo i risultati dei nostri avversari, ma abbiamo cercato di non pensarci, facendo la partita che avevamo preparato – questo il commento di mister Luciano Graziani, che ha sostituito in panchina lo squalificato Antonio Ricci –. Abbiamo fatto un primo tempo praticamente perfetto, partendo forte e continuando ad accelerare fino al sesto gol. Nel secondo tempo ci abbiamo messo un po’ ad abituarci al loro portiere di movimento, abbiamo incassato due gol ma poi siamo stati bravi a prendere le misure e a chiudere definitivamente i conti. Non era facile, considerando le assenze per infortunio di Adami e Lara, e anche Diego Burato lo abbiamo potuto utilizzare pochissimo. Molto bene Zanella, ovviamente, ma tutti i ragazzi scesi in campo sono stati bravi, compresi Sanchez e Norscia, che ho fatto entrare negli ultimi minuti. È stata la mia prima partita da capoallenatore, all’inizio c’era un po’ di emozione ma poi i ragazzi me l’hanno fatta passare, e ringrazio anche mister Ricci per avermi fatto giocare questa opportunità liberamente, facendomi compiere le mie scelte e mostrando piena fiducia in me. Le prossime due gare contro il Lido di Ostia saranno entrambe assai delicate: speriamo di recuperare gli infortunati, ma di certo il nostro morale sarà molto alto”.



In questo articolo: