Roseto crolla strada facendo, Udine domina nel finale

APU G.S.A. UDINE – ROSETO SHARKS 76-59

UDINE. Mortellaro 6, Visentini, Pinton 8, Genovese, Cortese 16, Simpson 13, Penna, S.Nikolic, Pellegrino 11, Powell 20, Spanghero 2. Coach Demis Cavina

ROSETO. Person 12, Rodriguez, Ianelli n.e, Penè, L.Nikolic 2, Eboua, Bayehe, Sherrod 15, Akele 13, D.Alibegovic n.e, Pierich 3, Bushati 14. Coach Germano D’Arcangeli

ARBITRI:  Radaelli, Maffei, Giovannetti

Note: parziali  15-18; 33-30; 59-47; 76-59. Tiri da 2: Udine 13/31, Roseto 17/30; tiri da 3: 9/26; 7/27. Tiri liberi 23/29; 4/8. Rimbalzi 43 (30+13); 37 (26-11).

Roseto dà del filo da torcere ad Udine per quasi mezz’ora di gioco effettivo, ma poi crolla a cavallo fra la terza e la quarta frazione, uscendo sconfitta dal Pala Carnera contro l’Apu G.S.A. 76-59. Il quintetto di D’Arcangeli ha avuto il giusto atteggiamento sul piano mentale per buona parte del match ma negli ultimi minuti si è mostrato particolarmente arrendevole, senza mai dare l’impressione di voler provare a recuperare il risultato o quantomeno a limitare i danni.

LA CRONACA

Gran conclusione dai 5 metri di Sherrod in avvio, Powell risponde con la tripla del primo vantaggio friulano. Sherrod replica in fotocopia il canestro messo a bersaglio in precedenza, 3-4 dopo 3’. Udine torna avanti pochi secondi dopo il 5’ ed allunga sull’11-6. Gli ingressi di Pierich e Bushati riportano ordine in casa Sharks e gli ospiti trovano otto punti consecutivi, rimettendo la testa avanti. 15-18 il parziale al 10’.

Simpson impatta con una tripla complicata. Roseto spreca quattro opportunità per cacciare ancora la freccia, la G.S.A. ne approfitta con Mortellaro. Arriva la bomba di Cortese, time-out Roseto sul 23-18 a 6’50” dall’intervallo lungo. Gli Sharks ritrovano la via del canestro col solito Sherrod ma dall’altra parte Pinton piazza la tripla. Udine sul +4 al 15’ dopo il siluro dalla distanza di Bushati. Punteggio inchiodato sul 27-23 per oltre due minuti.  Il biancazzurro Person, fino ad allora a secco, si conquista l’applauso del PalaCarnera con un clamoroso canestro dalla propria metà campo allo scadere dei 24”: nuova parità, 28-28. Finale di frazione caratterizzato da cinque punti di Powell, si rientra negli spogliatoi sul 33-30. In casa Sharks, brillano Sherrod (10 punti e 7 rimbalzi) e Akele (9+6).

Subito a segno Cortese e Powell al rientro in campo, G.S.A +7 in un amen.  Bomba di  Person e magia di Bushati, Roseto si rifà sotto.  Il capitano ospite va ancora a bersaglio con una tripla in risposta al canestro di Mortellaro, ma poi fallisce il siluro dalla lunghissima distanza che poteva valere il sorpasso, che arriva però più tardi col 2/2 di Nikolic dalla lunetta. Il vantaggio biancazzurro dura pochissimo e al 25’ Udine è avanti 46-42, con la bomba di Cortese. Gran conclusione di Powell per il +6 friulano che induce D’Arcangeli a chiamare time-out. Roseto continua a difendere discretamente ma incontra qualche difficoltà di troppo a raggiungere il canestro; riesce a muovere il punteggio con Bushati ma dall’altra parte rimedia Pellegrino, 52-45 al 28’. I ragazzi di Cavina, guidati da Pinton, trovano l’allungo decisivo nel finale di frazione, iniziando l’ultimo quarto avanti 59-47.

Simpson torna a timbrare in avvio di periodo, 2/2 dalla linea della carità di Pellegrino, padrone assoluto a rimbalzo ma non sempre preciso al tiro. Punteggio bloccato per diversi minuti, fino al 35’, sul 63-47 con Roseto che non segna più. Altri due liberi di Pellegrino e bomba di Cortese, l’Apu G.S.A. vola sul +21. Person interrompe l’astinenza biancazzurra al 36’ ma la partita ormai ha ben poco da dire. Anzi, c’è ancora tempo per rendere la sconfitta rosetana più umiliante di quello che aveva detto il campo per quasi tre quarti di gara. Il divario sale fino a ventitre lunghezze ma il risultato finale premia i locali con uno scarto leggermente inferiore, 76-59.