Sapori Veri Roseto dominata a domicilio dalla Pompea Mantova

SAPORI VERI ROSETO – POMPEA MANTOVA 62-82

ROSETO: Lattin 2, Giordano 10, Menalo, De Fabritiis, Mouaha 17, Canka 3, Nikolic 2, Fokou 3, Ciribeni 2, Rupil 8, Bayehe 3, Pierich 12. Coach Germano D’Arcangeli

MANTOVA: Sarto 3, Colussa, Poggi 6, Raspino 6, Visconti 7, Ferrara 2, Vigori, Ghersetti 8, Maspero 6, Clarke 23, Lawson 21. Coach Alessandro Finelli

ARBITRI: Boscolo, Nuara, Maffei

Note: parziali 6-10; 23-33; 38-53; 62-82. Tiri da due Roseto 16/41, Mantova 25/42. Tiri da tre 3/16, 7/25. Tiri liberi 21/34, 11/13. Rimbalzi 41 (27+14), 43 (31+12)

La Pompea Mantova riscatta il ko interno con Imola trionfando 62-82 sul campo della Sapori Veri Roseto. Una gara dominata da parte dei ragazzi di Finelli che comandano il match dall’inizio alla fine e toccano definitivamente la doppia cifra di vantaggio già in avvio di seconda frazione.

Difese in evidenza nei primi duecento secondi di gara, con le squadre che non trovano mai la vita del canestro. Nikolic ha l’opportunità di sbloccare il risultato dalla lunetta, ma fallisce entrambi i tentativi a sua disposizione. Bisogna attendere 4’43” per vedere il primo canestro in realtà la palla non finisce dentro neanche in questo caso ma l’interferenza di Lattin su Clarke viene punita con due punti a favore degli ospiti: 0-2 al 5’. La Pompea allunga con Raspino, Lawson e Clarke, con Roseto che continua a non segnare e a perdere un numero elevato d i palloni (ben sette in 8’). Pierich dalla lunetta sigla i primi due punti per i padroni di casa a 1’35” dal termine della prima frazione. Mantova chiude il quarto avanti 6-10, con gli Sharks che trovano il primo canestro dal campo a 8” dalla fine.

Il vantaggio biancorosso tocca la doppia cifra al 12’. Visconti manda a bersaglio la prima tripla della gara, portando il punteggio sull’8-19 e costringendo D’Arcangeli a chiamare time-out a 7’24” dall’intervallo. I ragazzi di Finelli allungano ulteriormente con un convincente Poggi, già autore di sei punti. Un break improvviso di 7-0 riporta i rosetani sul -6. Al 15’Mantova avanti 16-23. Il quintetto ospite torna a condurre di dieci lunghezze due minuti più tardi ma dall’altra parte il classe 2003 Giordano assottiglia il divario per i suoi. I biancorossi si portano in due occasioni sul +12 ma si torna negli spogliatoi sul 23-33. 10 di Pierich da una parte, 11 di Lawson dall’altra.

Distanze invariate nei primi minuti del terzo periodo, con il vantaggio ospite che oscilla fra le dieci e le dodici lunghezze. Mantova allunga con Clarke e uno schiaccione in solitaria di Lawson sul 30-46 con 5’30” da giocare nel corso della frazione. Dopo il time-out chiesto dal coach di casa, va ancora a segno Lawson. La Pompea scappa ulteriormente con la bomba di Maspero che vale il 32-51. Al 30’ il punteggio premia i ragazzi di Finelli sul 38-53.

C’è gloria anche per Sardo, che piazza una tripla in avvio di ultimo quarto. La Sapori Veri va a segno con Canka e Mouaha, così Finelli chiama time-out con i suoi ragazzi ancora saldamente avanti di quattordici. La bomba di Giordano potrebbe creare qualche grattacapo ai biancorossi, che rispondono con un gran siluro di Maspero. Roseto però si riaffaccia sul -10 grazie a quattro liberi di Mouaha. Un gioco da tre punti di Clarke lancia nuovamente la Pompea sul 50-64 al 35’. Mouaha prova a tenere ancora in piedi Roseto ma dall’altra parte due bombe di Clarke chiudono virtualmente la pratica. Capitan Ghersetti in contropiede schiaccia per il +21 Pompea a 90” dalla fine. Mantova +23 prima dell’inutile tripla allo scadere di Fokou che fissa il punteggio sul definitivo 62-82.