Sharks troppo ingenui, Hertz Cagliari più lucida nel finale: Roseto ko

HERTZ CAGLIARI – ROSETO SHARKS 87-77

CAGLIARI: Miles 22, Allegretti 7, Floridia n.e, Rullo 17, Gallizzi n.e., Rovatti 5, Matrone, Bucarelli 4, Johnson 20, Picarelli 6, Janelidze 6. Coach Alessandro Iacozza

ROSETO: Person 18, Cocciaretto n.e, Rodriguez 22, Ianelli, Penè, Nikolic, Eboua 7, Bayehe 2, Sherrod 10, Akele 10, Panopio 6, Pierich 2. Coach Germano D’Arcangeli

ARBITRI: Noce, Dionisi, Perocco

Note: parziali 26-32; 49-48; 65-63;  87-77 . Tiri da due Cagliari 21/30 Roseto 23/44. Tiri da tre 11/25; 5/25. Tiri liberi 12/15; 16/21. Rimbalzi 37 (32+5); 32 (19+13)

 

Il Roseto Sharks si spegne alla distanza ed esce sconfitto 87-77 sul campo del fanalino di coda Hertz Cagliari, formazione da qualche settimana in netta ripresa. Il quintetto biancazzurro sul finire della prima frazione conduceva di undici lunghezze, prima di subire la rimonta dei sardi che, al termine di una lunga fase equilibrata, allungano nelle battute finali.

LA CRONACA

Parte nuovamente forte Eboua, che realizza i primi cinque punti della gara. Cagliari si sblocca con una bomba di Johnson ma Roseto sul capovolgimento di fronte va a segno con Sherrod. I padroni di casa colpiscono ancora da tre con Picarelli ma gli ospiti continuano a muovere il punteggio con Rodriguez, 6-9 dopo 2’. L’ex Janelidze impatta con la tripla dell’11-11 ma gli Sharks allungano di nuovo con sette punti consecutivi di Person, 13-20 dopo 6’. Si segna tantissimo da ambo le parti e ad un minuto dal termine della frazione il vantaggio ospite tocca le undici lunghezze. Cagliari risponde con cinque punti in fila ma al 10’i ragazzi di D’Arcangeli conducono 26-32  con Rodriguez già in doppia cifra.

Le due squadre iniziano a difendere meglio nel corso delle prime battute del secondo periodo. La rimonta del quintetto sardo prosegue con una bomba di Rullo ed una conclusione di Bucarelli: Hertz a -1 e time-out D’Arcangeli. Roseto interrompe il 10-0 di parziale cagliaritano con due liberi di Sherrod. I padroni di casa trovano però il primo vantaggio della gara con il siluro dalla lunga distanza del 38-36 firmato da Rovatti allo scoccare del 15’; pronta replica rosetana con una bomba di Person.  Diverse palle perse da ambo le parti, con i due coach che provano a correggere gli errori dei loro giocatori in fase offensiva nel corso dei time-out. Dopo il momentaneo +3 per i locali, Rodriguez torna a colpire con cinque punti di fila: 44-46 al 18’. Roseto allunga con due punti di Bayehe. Finale di frazione che sorride ai ragazzi guidati da Iacozza, che tornano negli spogliatoi avanti 49-48. 11 di Johnson e Miles da una parte, 17 di Rodriguez e 12 di Person dall’altra.

Rientro in campo all’insegna dell’equilibrio e le due squadre al 25’ sono in parità sul 55-55. Roseto riprende quattro lunghezze di vantaggio con Akele e due liberi di Person.  Allegretti dalla lunga distanza riporta i suoi sotto di uno al 28’ ma sul capovolgimento di fronte Pierich trova i primi due punti della sua gara. Janelidze sugli scudi, con la bomba della nuova parità e una stoppata ai danni di Person. 2/2 di Miles dalla lunetta e Cagliari rimette la testa avanti alla fine del terzo quarto, 65-63 al 30’.

 

La Hertz vola subito sul +6 ma Roseto prova a rimediare col giovane Panopio. Rovatti sigla il canestro del 71-65 al 33’. Gli Sharks tornano a segnare con Akele, ben servito da Sherrod ma Johnson colpisce da tre punti, lanciando il quintetto sardo avanti di sette lunghezze. 74-69 al 35’ dopo un altro timbro di Panopio. L’italo-filippino è in palla ed è proprio lui a realizzare il canestro del 76-73 che costringe Iacozza a chiamare time-out a 4’20”dalla fine. La sospensione dà buoni frutti per i cagliaritani, che in un amen si rimettono sul +7.  Torna Rodriguez al posto del positivo Panopio. Time-out Roseto a 2’dal termine.  2/2 di Person dalla lunetta, 80-75. Non si segna nel minuto successivo ed a sessanta secondi dalla fine Cagliari deve gestire cinque punti di vantaggio. Roseto spreca opportunità per assottigliare il divario con Rodriguez e Person. Arriva la bomba di Rullo dell’83-75 che in pratica chiude anticipatamente le ostilità; è ancora il 11 di casa a colpire con il siluro che fissa il punteggio sul definitivo 87-77.