L’Apulia Trani segna nei minuti di recupero: per il Chieti Calcio Femminile un pareggio che sa di beffa

Chieti. La vittoria per il Chieti Calcio Femminile sfuma nei minuti di recupero al Campo “Don Uva” di Bisceglie : le neroverdi, avanti grazie ad un eurogol di Scioli al 40′ del secondo tempo, subiscono la rete del pareggio dell’Apulia Trani al 46′ da Sibilano.

Un vero peccato visto l’andamento della partita: la squadra di mister Lello Di Camillo, apparsa sempre più in crescita, ha messo in mostra un buon calcio su un campo impraticabile sul quale era praticamente impossibile giocare la palla a terra. Sarebbero stati tre punti d’oro vista la classifica, ma, come detto, la prestazione lascia ben sperare in vista delle prossime due partite, altri scontri diretti per la corsa alla salvezza contro il Potenza in trasferta e il Vapa Napoli in casa.

Mister Lello Di Camillo deve fare a meno dello squalificato capitano Giada Di Camillo, la fascia va dunque per l’occasione a Benedetti che risulterà a fine gara fra le migliori del match. In campo dal primo minuto Di Sebastiano e Coscia.
Il Chieti parte subito forte e al 4′ Vukcevic offre un pallone d’oro a Di Sebastiano che angola di un soffio il suo diagonale. Tre minuti dopo è Scioli a provare la via della rete a seguito di un corner, ma Sasso blocca il pallone con sicurezza. Al 14′ Sasso viene chiamata di nuovo in causa da un insidioso calcio di punizione di Vukcevic: il portiere di casa blocca in due tempi. Ancora Vukcevic ci prova direttamente da calcio piazzato al 27′, palla alta. Al 33′ grande intervento di Falcocchia, bravissima ad ipnotizzare Dibenedetto presentatasi sola davanti al portiere neroverde.

Un minuto dopo episodio molto dubbio in area pugliese: Sasso esce a vuoto, la palla la scavalca e viene toccata di testa da Benedetti finendo in rete, ma l’arbitro annulla per una presunta carica sul portiere da parte del capitano neroverde. L’ultima occasione del primo tempo è ancora per le neroverdi sempre con Benedetti anticipata dall’uscita tempestiva di Sasso. Si va al riposo a reti inviolate.
La ripresa si apre nel segno del Chieti che sfiora il gol al 2′ con Benedetti che non riesce ad agganciare al meglio il pallone in piena area su suggerimento di Gangemi.
Un minuto dopo Scioli ha la grande occasione per portare le neroverdi in vantaggio, ma fallisce il gol da buona posizione.
Al 13′ è ancora Scioli, in piena area, a non sfruttare una buona opportunità su un’invitante palla centrale di Gangemi mettendo a lato di un soffio.

La combattiva e mai doma Benedetti recupera caparbiamente un buon pallone sulla fascia, ma poi tira a lato al 16′. Al 24′ si infortuna Libutti e lascia il posto a Di Domizio. Un minuto dopo le padrone di casa si rendono pericolosissime con Dibenedetto che appena entrata in area lascia partire un tiro che dà l’effetto ottico del gol con il pallone che colpisce invece l’esterno della rete.
Un’indomita Vuckevic lascia partire un improvviso tiro al volo dalla distanza al 31′, Sasso si salva in due tempi. L’Apulia risponde con una punizione di Delvecchio che finisce alta di un soffio al 33′.
Al 40′ il Chieti passa in vantaggio con un capolavoro balistico di Scioli che beffa Sasso, sorpresa fuori dai pali, con un pallonetto millimetrico da fuori area che si infila sul palo lontano.
Sembra ormai fatta, ma la beffa arriva al 46′ quando l’Apulia Trani batte una punizione, il pallone passa in mezzo alla difesa neroverde e finisce sui piedi di Sibilano che si gira bene e mette dentro segnando la rete del definitivo 1-1. Il Chieti recrimina per una vittoria che è sfumata sul finale, ma può e deve guardare con fiducia alle prossime partite decisive per poter risalire la classifica.

Tabellino della partita:

Apulia Trani – Chieti Calcio Femminile 1-1

Apulia Trani: Sasso, Del Vecchio, Manzi, Saltarelli (14′ st Spallucci), Cottino (49′ st Spinosa), De Marinis, Ventura (14′ st Rucci) , Mariano (49′ st De Musso), Dibenedetto, Racioppo, Sibilano.
A disp.: Anelli, Calabrese, Di Nunno, Lopetuso, Amorese.
All.: Preziosa Francesco.
Chieti Calcio Femminile: Falcocchia, Di Santo, Benedetti, Vukcevic, Libutti (24′ st Di Domizio), Di Sebastiano (35′ st Forcella), La Mattina, Gangemi, Scioli, De Vincentiis, Coscia.
A disp.: Colecchi, Lacentra.
All.: Di Camillo Lello.
Arbitro: Esposito di Ercolano
Assistenti: Di Muzio e Sciotti di Foggia
Reti: 40′ st Scioli, 46′ st Sibilano.
Ammonite: Di Santo (C), Manzi (T)

Le impressioni post partita di Samantha La Mattina:

“Non doveva arrivare quel gol, bisognava vincere, ma ora possiamo solo andare avanti. La squadra è in crescita: abbiamo sofferto un po’ l’assenza del nostro capitano Giada Di Camillo cercando di fare del nostro e la prestazione è stata positiva. Normalmente nel calcio si dice che chi non segna poi prende un gol, noi abbiamo segnato ma poi abbiamo anche subito la loro rete. Ci sono state altre occasioni per noi e se le avessimo concretizzate a quest’ora non staremmo a parlare di un pareggio, ma di una bella vittoria e tre punti portati a casa che per noi sarebbero stati d’oro. L’atteggiamento è stato subito molto propositivo da parte di tutte noi nonostante il campo fosse impraticabile. Abbiamo dato il meglio, è stato un pareggio assurdo, ma il calcio è così: bisogna accettarlo e guardare con fiducia ai prossimi impegni.
Dobbiamo migliorare e non ripetere gli errori commessi. Credo che se il campo fosse stato diverso avremmo fatto più gioco decisamente. Giocare la palla a terra era impossibile: rimbalzava tantissimo, sembrava che fosse quasi telecomandata. Abbiamo messo in campo tanto cuore lottando e dando il massimo. Sul loro gol forse si poteva fare qualcosina in più per evitarlo, abbiamo abbassato un po’ la guardia perché venivamo dal nostro gol e abbiamo pensato probabilmente che la partita fosse finita lì. Secondo me è stato dato qualche minuto di recupero in più, ma anche questo fa parte del gioco e non possiamo troppo recriminare. Ci aspettano ora delle partite alla nostra portata.
Contro l’Apulia abbiamo ascoltato i consigli del mister ancora più di altre volte giocando con maggiore serenità, cercheremo di fare altrettanto anche in questa settimana di avvicinamento alla partita con il Potenza e vediamo se i sacrifici che stiamo facendo daranno buoni frutti. Io sono convinta di sì perché stiamo senza dubbio crescendo e voglio essere positiva”.