Pescara, con la Salernitana i 3 punti per i play-off

Pescara. Tre punti per blindare il quinto posto. Il Pescara domani all’Adriatico, contro una Salernitana affamata di punti salvezza, dovrà cercare di conquistare un risultato positivo per non correre rischi e poi guardare a quello che succederà negli altri campi.

Gli ultimi 90′ della stagione regolare saranno avvincenti, con quasi tutti i verdetti ancora da decidere. Questa mattina, al termine della rifinitura, il tecnico abruzzese ha presentato la gara con i campani, invitando l’ambiente a non guardare in casa altrui: “Con la Salernitana non dobbiamo fare calcoli, ma pensare a noi stessi e poi al 91′ vedremo cosa succederà. Se i play off dovessero slittare, sarebbe un danno, avendo noi in squadra tanti nazionali”.

Sulla formazione campana il trainer adriatico ha poi aggiunto: “La Salernitana ha giocatori rapidi avanti come per esempio Jallow, ma anche giocatori prestanti fisicamente. Menichini è un tecnico molto esperto e sa affrontare queste situazioni. È una partita tosta per noi perché loro avranno la disperazione dentro e la voglia di giocarsi tutto”. Pillon ha parlato anche del suo traguardo personale da allenatore: “Le mie 500 partite. Tante soddisfazioni e qualche delusione. Non dimentico gli inizi in promozione quando vinsi il campionato col Salvarosa. Allenerò fin quando mi daranno la possibilità di farlo. Se sono qui a Pescara, lo devo a Repetto che si è ricordato di me. Il rammarico? Qualche punto in più nelle ultime partite in cui avremmo meritato il successo. Ci hanno fischiato contro 11 rigori”.

Per la gara di domani è in dubbio Del Grosso a causa di un problema fisico. In difesa ballottaggio al centro fra Bettella, Campagnaro e Gravillon. Tornerà dopo la squalifica Memushaj.