Chieti, ‘I giovani per la legalità nello sport’: successo per il confronto all’Università

Chieti. Si è svolto all’ Università “G. D’Annunzio” di Chieti, nell’aula magna del corso di studi “Scienze delle attività motorie e sportive”, il confronto fra gli stakeholder e gli studenti del corso di giornalismo sportivo sul tema “I giovani per la legalità nello sport. Focus: la violenza negli stadi”.

Il dibattito, patrocinato dall’AIC (Associazione Italiana Calciatori) e organizzato dalla presidente del Corso, prof.ssa Angela Di Baldassarre (Presidente “Scienze delle Attività motorie e sportive), ha accolto le accorate testimonianze di Marisa Grasso, vedova dell’ispettore capo della polizia di Stato Filippo Raciti, ucciso in servizio il 2 febbraio 2007, e di Mario Di Quinzio testimone oculare della strage avvenuta il 29 maggio del 1985 all’Heysel di Bruxelles. Particolarmente avvincenti gli interventi del questore di Chieti, Ruggiero Borzacchiello, e del vicario del questore di Pescara, Pietro Brasola, che hanno spiegato nella pratica come vengono organizzati i servizi di sicurezza negli stadi e le strategie d’intervento e quello di Elenito Di Liberatore, assistente arbitrale che vanta nel suo curruculum professionale 50 gare internazionali e più di 150 match nazionali nella massima serie; è stato Di Liberatore a raccontare ai tantissimi studenti presenti le sue esperienze professionali negli stadi inglesi dove la violenza da anni ormai è stata quasi completamente debellata. Stefano Pallotta (Presidente dell’Ordine regionale dei Giornalisti) e Paolo Mastri (Il Messaggero) hanno sviscerato invece, sotto diversi punti di vista, il ruolo della stampa e le responsabilità della stessa. Ha chiuso gli interventi l’assessore regionale allo sport Guido Quintino Liris al quale gli studenti hanno presentato una loro proposta di lavoro finalizzata alla prevenzione della violenza fuori e dentro gli stadi.

Nel corso del dibattito, moderato dal giornalista Marco Tontodonati, sono stati presentati e premiati i componenti del team vincitore per il secondo anno consecutivo della manifestazione Il Miglio, un gruppo di studentesse della “G.D’Annunzio” che hanno riportato prestigiosi risultati alle Universiadi (Gloria Bilanzola – Scienze delle Attività motorie e sportiv- argento nel salto triplo e bronzo nel lungo; Martina Aliventi – Medicina e Chirurgia – oro nel lungo e Gloria Valentini – Scienze delle Attività motorie e sportive – bronzo nel pugiliato categoria 54 kg elite seconda serie) e infine i video-spot realizzati dagli studenti del tirocinio di “Giornalismo sportivo radiotelevisivo”.

Il seminario, interamente organizzato dagli studenti, chiude il ciclo di lezioni del progetto “Comunicazione e giornalismo sportivo” che, tenuto dai giornalisti Marco Tontodonati e Daniela Burgassi, prevede al primo anno un ciclo di lezioni teoriche con esame finale e, per chi ha superato con successo quest’ultimo, due tirocinii per gli studenti del secondo e del terzo anno. Il dibattito ha rappresentato l’occasione per riflettere ancora una volta sull’importanza strategica dello sport inteso come rispetto della legalità ed educazione alla prevenzione.