Il nuovo mancino della Tombesi: Dudù Rech de Moura

Ortona. La Tombesi completa il “reparto stranieri” e aggiunge un mancino alla lista di giocatori a disposizione di Gianluca Marzuoli. Eduardo “Dudù” Rech de Moura, 33 anni, è un laterale-pivot che vanta ormai una lunga esperienza in Italia: arrivato nel 2007 tra le fila del Cadoneghe in A2, ha poi giocato con Marca, Real Rieti, Modugno, Odissea 2000, Fondi, Paola e, lo scorso anno, a Bisignano, dove ha conquistato sul campo la A2 vincendo il girone G di serie B e venendo eletto tra i migliori giocatori del torneo. Dudù è un giocatore duttile, che conosce perfettamente il futsal italiano, esperto ma, allo stesso tempo, con l’entusiasmo e la voglia di chi vuole dimostrare, ancora una volta, tutto il suo valore in una nuova avventura:

“Sono felice di essere alla Tombesi, in una società seria e ambiziosa. Il presidente mi ha trasmesso grande energia, non vedo l’ora di conoscerlo di persona, e lo stesso vale per tutto l’ambiente e lo staff tecnico. Conosco molti dei miei nuovi compagni, in particolare i brasiliani, per averci giocato contro tante volte nel corso degli anni, e sapendo quanto sono forti sono davvero felice di averli finalmente in squadra con me. È vero, vengo dalla serie B, dove ho giocato nelle ultime quattro stagioni, ma non temo il salto di categoria: so che la A2 è più dura (ci ho già giocato in passato), ma penso che le mie caratteristiche si adattino bene al campionato e, anzi, credo che a questo punto della mia carriera io possa fare meglio in A2 che non in B. Non conosco personalmente mister Marzuoli, anche se è un nome noto nell’ambiente del calcio a 5, ma non ho dubbi che lavorerò bene assieme a lui. La Tombesi 2019/2020 sarà un’ottima squadra e sono certo che faremo un bel campionato. Ho grande voglia di iniziare!”.