La Tombesi non tradisce: altri 8 gol in casa

Ortona. Dopo il passo falso di Ciampino, la Tombesi riprende la propria marcia e raccoglie i tre punti nella sfida interna contro la Cioli Ariccia Feros. Non è stata comunque una partita facile, specie nei primi dieci minuti del primo tempo, quando gli ospiti si sono ritrovati in vantaggio prima sull’1-2 e poi sul 2-3. La Tombesi ha però sempre risposto colpo su colpo, trovando immediatamente le reti della parità e mettendo poi la freccia nella seconda metà del primo tempo (concluso sul 6-3 per gli Ortonesi). Gara pienamente sotto controllo nel secondo tempo, in cui i gialloverdi hanno prima allungato le distanze fino all’8-3, per poi subire due reti indolori a gara ampiamente conclusa (l’ultima è stata incassata quando mancava un secondo alla fine). Tripletta per capitan Silveira, decisamente il migliore in campo, autore del primo, del terzo e del settimo gol ortonese. Oltre a lui sigilli anche per Piovesan (gol del momentaneo 2-2), Pizzo (4-3), Dudù Rech (5-3), Raguso (6-3), e Calderolli (8-3). Dall’altro lato, inutile il gol del capocannoniere Raubo, così come quelli di Marchetti, Quagliarini, Alessio e Christian Peroni. Con 20 reti segnate in tre giornate la Tombesi è al momento il miglior attacco del campionato. D’altro canto, le 14 reti incassate fanno riflettere, ma mister Marzuoli non ne fa un dramma:

«Ero molto più preoccupato dopo i 6 gol presi a Ciampino, tutti frutto di errori nostri, ma oggi il discorso è diverso. Sul nostro campo, con le sue dimensioni ridotte, ogni azione può concludersi potenzialmente con un’occasione o con un gol, e questo vale sia per noi che per i nostri avversari. Sul nostro campo sarà difficile concludere partite senza incassare gol, specie se, come nel primo tempo di oggi, gli avversari fanno tre gol con i loro primi tre tiri in porta. Detto questo, alla fine del primo tempo eravamo avanti 6-3, segno che comunque avevamo subito meno dei nostri avversari, mentre nel secondo tempo la partita l’abbiamo tenuta sotto controllo. Gli ultimi due gol non fanno testo, perché abbiamo deciso di alzare un po’ la linea, sull’8-3, per cercare qualche altro gol e far divertire il nostro pubblico, pazienza se non ci siamo riusciti. Se fossimo rimasti a difendere bassi, la partita si sarebbe conclusa sull’8-3. Più in generale, oggi abbiamo fatto una grande prestazione, una vittoria meritata e convincente, e sono contento della prova dei miei giocatori».