Neroverdi ‘senza casa’, ma la crescita continua

Chieti. Non è stata una settimana facile, quantomeno dal punto di vista logistico, per la Connett.it. La società resta in fiduciosa attesa che il Comune di Chieti rientri in possesso di Colle Dell’Ara, il palazzetto che è stato la casa delle neroverdi nella passata stagione e che risulta tuttora chiuso, a seguito delle note vicende legate al fallimento del Centro Universitario Sportivo di Chieti, che lo aveva in gestione.

 Nel frattempo che la vicenda si avvicini a una positiva e, ci si augura, celere conclusione, la Connetti.it si è vista costretta a girovagare per l’Abruzzo: Culiani e compagne si sono allenate due volte ad Atri (grazie alla straordinaria disponibilità della squadra femminile locale, che ha rinunciato al proprio turno di allenamento per ospitare la Teatina), ma anche ad Altino e a Francavilla. A Francavilla, si è giocata la seconda amichevole di questo precampionato, dopo quella della settimana precedente contro la Futura Volley Teramo. Questa volta, l’avversario è stata una compagne di pari categoria, la Tenaglia Altino Volley, e il match ha dunque potuto dare risposte più significative: al di là del risultato finale, che ha visto le neroverdi prevalere 3-0 (con un quarto set ugualmente giocato e vinto da Altino), Giorgio Nibbio ha avuto la possibilità di far ruotare tutte le giocatrici a sua disposizione, schierando quattro sestetti diversi per le quattro frazioni giocate. La prossima settimana, la Connetti.it sarà impegnata in amichevole ad Ancona, mercoledì 25, contro Castelbellino (altra squadra di B1), mentre sabato 28 e domenica 29 si terrà il classico torneo estivo organizzato dalla Pallavolo Teatina, ancora una volta dedicato alla memoria del dottor Sandro Angeloni.

 Del momento della squadra, e di quello suo personale, ha parlato Sara Gotti: “Il mio impatto con Chieti e con questa squadra è stato molto positivo. Lo spogliatoio è composto da brave ragazze, con le quali è stato facile sin da subito fare gruppo e creare una bella atmosfera. Dal punto di vista tecnico, non avevo dubbi che questa fosse un’ottima squadra, con un organico importante e profondo, guidato da un allenatore che ho sempre stimato e che sta confermando quello che già pensavo di lui, dimostrandosi molto abile nella gestione del gruppo sia a livello tecnico che umano. Se dovessi indicare un aspetto sul quale dobbiamo ancora migliorare tanto, direi il muro, perché con le potenzialità che abbiamo, fisiche e non solo, possiamo fare decisamente meglio, e ci includo anche la correlazione muro-difesa. Le prime due amichevoli ci hanno dato indicazioni preziose, ma certo aspettiamo con entusiasmo il torneo del prossimo fine settimana. Sappiamo che la società ci tiene tanto a fare bella figura, e per noi sarà la prima vera uscita davanti al nostro pubblico, per di più con avversari di pari categoria (Altino e Orsogna) e di categoria superiore (Baronissi, Cutrofiano e Soverato). Ci teniamo insomma a fare bene. Io sono partita con qualche problemino, specie alla spalla destra, ma ora pian piano li sto risolvendo e la condizione crescere, assieme all’intesa con le compagne. Sono fiduciosa che potremo toglierci tante soddisfazioni”.