Regista di lusso: la Teate Basket ingaggia il play Alexander Simoncelli

Chieti. La Teate Basket Chieti è lieta di comunicare l’ingaggio del playmaker classe 1986 di 188 cm Alexander Simoncelli che si lega alla società teatina con un contratto biennale.

Fresco vincitore nelle Final Four di Montecatini dove con l’Urania Milano ha staccato il pass per la Serie A2, l’esperto esterno di Bussolengo (VR) è stato scelto dal General Manager Michele Paoletti e da coach Piero Coen non solo per le sue indubbie capacità tecniche ma anche per il prezioso supporto che potrà offrire agli atleti più giovani in ottica futura. Senza ombra di dubbio Simoncelli rappresenta un vero lusso per la categoria ed, insieme agli altri innesti che verranno resi ufficiali nelle prossime ore, s’inserisce in una squadra che vuole ambire a grandi traguardi nell’immediato futuro.

Capace di alternare le soluzioni personali e di mettere in ritmo i compagni in virtù di un’ottima visione di gioco, Alex incarna perfettamente il ruolo del metronomo del gruppo. Il suo bagaglio tecnico sconfinato gli permette di trovare con regolarità il fondo della retina tanto dall’arco quanto in area sia penetrando al ferro sia con il classico arresto e tiro dalla media. Ma, dato assolutamente rilevante, nella stagione appena conclusa ha fatto registrare oltre cinque assist a partita a dimostrazione di quanto possa giovare l’intero quintetto della sua presenza sul parquet. Ma la sua propensione offensiva non può oscurare di certo lo spirito di sacrificio e l’intensità con i quali si spende in difesa sul portatore di palla.

Cresciuto nel settore giovanile di Casalpusterlengo, Simoncelli fa il suo esordio in prima squadra in Serie B nella stagione 2006/07: al termine dell’esperienza di otto anni con la compagine lombarda, il suo palmares viene impreziosito dalla vittoria per due volte della Coppa Italia (2007 e 2009), competizione nella quale troverà altre gioie anche nel futuro. Con la canotta dell’Assigeco Casalpusterlengo disputa anche due stagioni in LegaDue prima di trasferirsi in terra pugliese all’Enel Brindisi (11/12) sempre nella medesima categoria. Nel corso della stagione però farà ritorno al nord accasandosi a Piacenza dove fa registrare statistiche di tutto rispetto:22.3 minuti di media per 5.8 punti con il 34,9% da tre e l’80% ai liberi. Nel 2012/13 arriva la chiamata di Castelletto Ticino in DNA giocando da protagonista una stagione importante impreziosita dal trionfo ancora in Coppa Italia. Dopo la breve esperienza di Firenze (2013/14), l’Orsi Derthona Basket lo sceglie in cabina di regia in Serie A2 affidandosi alle sue competenze per un biennio (2014/16), del quale il secondo anno viene festeggiato anche con dei buoni playoff. Nel 2016/17 scende di categoria per sposare il progetto della Paffoni Fulgor Omegna con la quale centra per due anni consecutivi la finale playoff senza, però, riuscire a staccare il pass per Montecatini. Tuttavia nel 2017/18 a Jesi si toglie la soddisfazione di alzare nuovamente la Coppa Italia LNP. La scorsa estate passa a Milano con la quale, come abbiamo detto prima, sbaraglia tutte le avversarie durante i playoff (compresa la stessa Omegna in finale) fino al successo sull’Amatori Basket Pescara di poco più di una settimana fa.

“Ho finito da poco la stagione ma la Teate Basket ha dimostrato un interesse così forte nei miei riguardi che sono rimasto sorpreso– dice Alexander Simoncelli- Una volta appurato il fatto che Chieti sta portando avanti un progetto ambizioso, mi sono subito convinto ad accettare l’offerta per cui non posso che essere felice per la mia scelta. Ho appena festeggiato la promozione in A2 con Milano ed ho provato emozioni talmente intense che sono concentrato affinchè a giugno del prossimo anno possa riviverle con i miei compagni. Senza giri di parole sono venuto a Chieti perché voglio vincere il campionato, ovviamente dovremo affrontare sfide difficili perché le nostre avversarie non staranno a guardare ma, sentendo anche i nomi dei miei prossimi compagni che si stanno accordando per venire qui, sono certo che avremo un roster forte. Al PalaTricalle sono venuto diverse volte da avversario e me lo ricordo per il calore del suo pubblico: pertanto spero che i tifosi teatini possano emozionarsi e festeggiare tanto con noi!”

Il Direttore Generale Michele Paoletti commenta così l’arrivo di Simoncelli: “La pedina del playmaker in una squadra è la più importante, essendo il cervello del gruppo. Ritengo che con Simoncelli abbiamo portato a casa il meglio che ci fosse sul mercato. Tecnica, esperienza, stazza, forza di volontà, il top insomma. Insieme all’estro e l’esplosività di Meluzzi ritengo formeranno la coppia meglio assortita della categoria. L’unica garanzia che Alex ci ha chiesto tramite il suo agente Riccardo Artoni, è stata la garanzia che il nostro fosse un progetto che mirasse a vincere senza riserve e che lui potesse essere al centro dello stesso anche l’anno dopo nella categoria superiore. Di fronte a queste premesse, diventa facilissimo trovare un accordo, per raggiungere il quale abbiamo impiegato 12 ore. Il presidente Marchesani voleva un vincente e mi ha dato via libera immediata per Alex: lo ringrazio per questo”.