Serie C, prima gioia per il Teramo: 2-0 sulla Cavese

Il Teramo centra la prima vittoria stagionale proprio allo stadio Bonolis: 2-0 su una Cavese che riesce a fare ben poco per impensierire il Diavolo.

Nel rinnovato impianto di Piano d’Accio, con il nuovo manto ed i seggiolini in tribuna e distinti richiesti dalla Lega Pro, il presidente Franco Iachini fa un breve giro del campo prima del fischio d’inizio per salutare i tifosi presenti alla prima casalinga della stagione.

Il Teramo tiene il possesso palla nel primo tempo, ma non trova da subito tempi e varchi, anche per il muro eretto dalla Cavese, che lascia praticamente solo Germinale in avanti. Ci prova subito Arrigoni con un tiro dalla distanza che Bisogno respinge. La squadra di Moriero si fa vedere all’11’ con un tentativo anche in questo caso dalla distanza, ma Di Roberto non inquadra la porta. Al quarto d’ora Martignago, tra i migliori, ci prova dagli sviluppi di un calcio di punizione, ma non trova lo specchio. L’episodio che sblocca la gara arriva al 28’: Martignago mette in moto Di Matteo, che mette in mezzo per il primo centro stagionale di Magnaghi. E’ ancora Teramo ed ancora Martignago al 35’: l’ex Albissola fa tutto bene in area, mirino a parte. Nel finale di primo tempo la Cavese alza il baricentro e prova a creare qualcosa: l’unico episodio arriva dai piedi di Russotto che chiama fuori Tomei e mette al centro, ma sia Lulli che di Roberto cadono a terra.

Va atteso circa un quarto d’ora nella ripresa per il primo episodio degno di nota: Bombagi batte una punizione sul lato corto e Bisogno è fondamentare nell’evitare l’autorete di un compagno. La CAvese prova con estrema difficoltà a far qualcosa, ma il risultato è che i campani non producono nulla di interessante. Al 25’ Addessi approfitta di un errore in uscita per mettere in mezzo, ma Tomei salva senza problemi. Brivido al 28’, quando Matera disegna una traiettoria che si stampa sulla traversa, la palla sbatte sulla schiena di Tomei e finisce poi in angolo. Al 34’ torna a fare il suo esordio in maglia biancorossa Costa Ferreira dopo l’esperienza di otto anni fa, ma due minuti più tardi ci pensa Bombagi a mandare i titoli di coda sulla gara con un bellissimo tiro che finisce sotto l’incrocio e che fa festeggiare il Bonolis. Per i biancorossi arriva così il primo successo in campionato a cui provare a dare continuità sabato prossimo contro il Rende a Vibo Valentia.

Quasi tremila i presenti, con la quota abbonati arriva a 873 tessere vendute. Due gli striscioni esposti per l’ormai ex capitano, Ivan Speranza: uno esposto in curva, l’altro tra i distinti.

TERAMO – CAVESE 2 – 0

Teramo: Tomei; Cancellotti, Cristini, Piacentini, Di Matteo (24’st Tentardini); Mungo (34’st Ilari), Arrigoni (34’st Costa Ferreira), Lasik (14’st Santoro); Bombagi, Martignago (24’st Cappa); Magnaghi. A disp.: Valentini, Lewandowski, Florio, Iotti, Ilari, Birligea, Viero. All.: Tedino.

Cavese: Bisogno; Rocchi, Matino (41’st Stranges), Marzorati, D’Ignazio; Sainz-Maza (17’st Nunziante), Matera, Lulli; Di Roberto (41’st El Ouazni), Germinale, Russotto (17’st Addessi). A disp.: Kucich, Polito, Castagna, Favasuli, De Rosa, Marzupio, Spaltro, Guadagno, Nunziante. All.: Moriero.

Arbitro: Petrella di Viterbo.

Reti: 28’pt Magnaghi; 36’st Bombagi.

Note: spettatori 2963; ammoniti Cancellotti, Mungo, Arrigoni, Rocchi, Lulli, Germinale, Marzorati, Matera; recuperi 1’ e 4’.